Palermo | 24/05/2017 | 15:28:13
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Chi siamo

data articolo 05/02/2013 autore redazione categoria articolo PAGINE
 
torna indietro

UN PO' DI STORIA

Il Centro di Accoglienza Padre Nostro è un’Associazione che nasce nel 1991 e viene inaugurata nel 1993 nel quartiere Brancaccio di Palermo. Costituitasi giuridicamente in Associazione nel 1995, oggi è un ente morale, riconosciuto dal Presidente della Repubblica con D.M. del 22.09.99, ed è iscritto nel registro delle ONLUS. L’identità e la storia del Centro Padre Nostro sono fortemente legate alla memoria del suo Fondatore, Don Giuseppe Puglisi, che fu parroco del quartiere Brancaccio e venne ucciso dalla mafia nel 1993 nello stesso quartiere. Padre Puglisi è una delle figure più importanti della lotta alla mafia in Sicilia degli ultimi vent’anni, impegnato costantemente a Brancaccio, attraverso una infaticabile azione pastorale e pedagogica, portata avanti insieme ai volontari del Centro, nel recupero dei minori e degli adolescenti costantemente sottoposti al rischio di emarginazione e di reclutamento da parte della criminalità organizzata. Il suo impegno concreto dalla parte dei giovani e dei più deboli e l’appoggio senza riserve a progetti di riscatto provenienti da cittadini onesti, sono la testimonianza di un desiderio di cambiamento, che lo porterà ad andare incontro alla morte per mano della mafia. Dopo la sua scomparsa, il Centro ha continuato ad ispirarsi, nel contenuto, negli scopi e nel metodo di lavoro al suo insegnamento. Oggi l’Associazione continua ad operare a favore delle fasce più deboli; gravitano al suo interno circa cento persone tra soci, operatori, personale volontario, giovani in servizio civile, tirocinanti provenienti da diverse facoltà e Corsi di Laurea. L’Associazione opera attraverso interventi e progetti di aiuto realizzati assieme ad enti pubblici e ad altre organizzazioni no-profit, nel totale rispetto delle diversità culturali e con particolare attenzione a coloro che sono emarginati per ragioni legate alla condizione sociale. Durante i primi anni di attività, il Centro ha rivolto il proprio impegno in maniera esclusiva a Brancaccio, quartiere in cui la maggior parte degli abitanti presenta una notevole povertà materiale e culturale, sicuramente aggravata dall’elevato numero di disoccupazione e dalla presenza massiccia del lavoro nero; disagi economici che spiegano anche i frequenti fenomeni di evasione scolastica, delinquenza e lavoro minorile. Attualmente il lavoro del Centro interessa anche altri territori cittadini, come i quartieri di San Filippo Neri e di Falsomiele, interessati anche questi da una condizione di degrado. Pur non perdendo lo spirito di volontariato, il Centro pian piano si è evoluto attraverso una progressiva professionalizzazione, ha ampliato il proprio raggio d’azione, realizzato interventi animati da una sempre maggiore consapevolezza della connessione tra obiettivi, strategie di intervento ed azioni e costruito un metodo che tiene conto sia delle acquisizioni delle scienze sociali, sia delle peculiarità del territorio in cui opera, coinvolgendo, a secondo degli interventi da attuare diverse professionalità (psicologi, assistenti sociali, consulenti legali, consulenti familiari, etc…). L’Ente, cui l'assassinio di Padre Puglisi ha conferito un valore simbolico che va ben oltre i confini del quartiere Brancaccio (in cui è sorto e ha la propria sede legale) è divenuto punto di riferimento e luogo di sperimentazione di buone prassi, oltrepassando i confini del quartiere e attivando confronti e scambi, che vengono intesi come moltiplicatori di effetti positivi. Ciò è avvenuto attraverso l’adozione di una logica di rete e la promozione di collaborazioni e incontri non solo a livello nazionale, ma collocabili anche in una dimensione internazionale.

DEFINIZIONE ED IDENTIFICAZIONE DEI DESTINATARI CHIAVE

Le attività del Centro sono rivolte in generale agli abitanti del Territorio di Brancaccio, e più specificatamente alle diverse tipologie di destinatari, i minori di età compresa tra 0-5 anni, 6-12 anni, e 13-18 anni, gli adulti, le famiglie e gli anziani, tutti caratterizzati da peculiarità ed esigenze differenti. L’obiettivo generale che il Centro di Accoglienza Padre Nostro si propone di raggiungere da anni riguarda la promozione ed il miglioramento della qualità della vita delle persone attraverso la creazione di condizioni atte a favorire la piena espressione dell’individuo, sia esso bambino, giovane, adulto o anziano. Le attività che il Centro realizza pertanto sono articolate in riferimento a tre prevalenti macro-aree di intervento: Area Minori e Giovani; Area Adulti; Area Anziani.

I SERVIZI EROGATI ED ESITI RAGGIUNTI

Ogni attività, ogni progetto, ogni servizio promosso dal Centro Padre Nostro è sempre frutto di un contatto diretto e partecipato con situazioni di disagio sociale, economico e culturale. Fin dalla sua nascita il Centro ha impostato e creato le sue attività rispondendo ai vari bisogni che si manifestano nei territori di riferimento e che coinvolgono contemporaneamente molteplici tipologie di destinatari, secondo una modalità che può così essere sintetizzata:

ATTIVITA'

Pronto Soccorso Sociale
Attraverso il servizio di Promozione umana e sociale- Pronto Soccorso Sociale, si dà sostegno alle famiglie che versano in condizioni di estrema povertà con la distribuzione di generi alimentari di prima necessità, vestiario per minori, corredino per neonati, culle, passeggini, materiale didattico e libri scolastici, farmaci pediatrici e per adulti, pagamento utenze e affitti, occhiali da vista.

Distribuzione generi alimentari
N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 230 famiglie.

Distribuzione vestiario
N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 60 famiglie.

Materiale didattico
N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 110 famiglie.

Farmaci e altri presidi
N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 60 famiglie.

Ospitalità notturna, mensa, doccia, convivenza anagrafica
Per coloro che vivono una situazione di precarietà abitativa, il Centro Padre Nostro offre una prima accoglienza con ospitalità notturna e servizio mensa. La finalità principale è stata quella di migliorare la qualità della vita a partire da interventi relativi all’igiene personale e ambientale, al soddisfacimento dei bisogni primari e alla conoscenza delle strutture pubbliche che erogano prestazioni socio – assistenziali e mediche. A questo servizio è connessa la convivenza anagrafica che ha come obiettivo quello di fare uscire dalla “latitanza anagrafica” e quindi dare una identità giuridica a quelle persone che non hanno dove eleggere un proprio domicilio e quindi non possono neanche avere il documento di riconoscimento per poter accedere alle prestazioni socio-sanitarie, o ricevere comunicazioni postali. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 365 ospitalità notturna, 1095 pasti mensa, 730 docce, 11 convivenze anagrafiche.

Servizio Sociale Familiare
Il Servizio Sociale Familiare, operante all’interno del Centro dalla sua nascita, si propone di attuare, attraverso un processo di aiuto, rivolto a singoli e/o gruppi portatori di varie tipologie di bisogni, di risolvere le problematiche aiutando gli stessi ad utilizzare le proprie risorse personali, socio-ambientali e territoriali.L’attività professionale si esplica attraverso il rapporto diretto con l’utenza (consulenza psico-sociale, intervento socio – assistenziale, azione di filtro, segretariato sociale), programmazione e organizzazione di servizi e attività. Le richieste espresse sono prevalentemente relative a bisogni di natura lavorativa, economica (pagamento utenze, farmaci, etc…), assistenziale (Pronto Soccorso Sociale) e disbrigo pratiche di varia natura. Una funzione del Servizio Sociale è il segretariato sociale attraverso cui vengono date informazioni corrette e aggiornate sulla modalità di fruizione dei servizi messi a disposizione del cittadino anche con un sostegno nello svolgimento di alcune prassi burocratiche. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 430 colloqui.

Consulenza psicologica
Il Servizio Psicologico, in stretto raccordo con gli altri settori del Centro, promuove attività di consulenza e sostegno psicologico agli utenti; l’attività si connota come luogo fisico e psicologico di ascolto, volto a promuovere l’espressione dell’individuo, con particolare attenzione alla tutela della dignità della persona e dell’obiettivo primario di promozione umana, perseguito dal Centro. I colloqui con l’utenza sono condotti da 2 consulenti psicologici professionisti, coordinati da 1 supervisore del Servizio, anch’esso psicologo, secondo l’approccio sistemico-relazionale, attraverso colloqui individuali, di coppia, familiari. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 25 prese in carico, 55 contatti, 150 colloqui, 12 riunioni di supervisione.

Consulenza legale
L’erogazione di un Servizio di Consulenza Legale nasce dalla volontà di promuovere un messaggio di sensibilizzazione verso una coscienza civile e giuridica in ambienti in cui è presente un grave disagio sociale, responsabilizzare i soggetti non abbienti, diffondere la cultura della legalità fornendo un servizio di informazione giuridico-legale, effettuato da avvocati specializzati in materia sia civile che penale. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 34 famiglie. 250 colloqui.

Centri Aggregativi per minori e adolescenti
Lo scopo principale dei Centri aggregativi per minori e adolescenti è quello di contrastare situazioni di disagio socio – culturale, con una metodologia che prevede un itinerario educativo che coinvolge la sfera cognitiva, emotiva e relazionale attraverso attività di recupero scolastico, educazione alla legalità, laboratori espressivi, sportivi ed ambientali. Oltre alla stretta integrazione tra le attività del Centro Padre Nostro, della scuola e dei Servizi Sociali Territoriali, il lavoro è concentrato non solo sulle attività di recupero scolastico, ma anche su aspetti fondamentali quali: il lavoro educativo con i genitori, le attività di socializzazione, la progettazione educativa individualizzata, l’utilizzo di strumenti di osservazione e di verifica. Si realizzano infatti laboratori di recupero scolastico rivolti sia ai minori delle classi elementari che ai minori e adolescenti delle classi medie e superiori; laboratori di attività manipolative, un laboratorio teatrale, un laboratorio ludico-sportivo. I giovani inoltre partecipano ad attività sovraterritoriali che li coinvolgono all’interno di Villa Giulia in attività ludiche con altri bambini della Città di Palermo. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 45 minori, 200 presenze ad evento sovraterritoriale (tra minori e adulti).

Centri Aggregativi per anziani
Le azioni progettuali previste all’interno del Centro Aggregativi Anziani, sono finalizzate alla socializzazione e integrazione tra gli anziani, alla gestione costruttiva del tempo libero degli stessi. Le attività sono state progettate e realizzate al fine di migliorare la qualità della vita dell’anziano, attraverso numerose iniziative, articolate in attività laboratoriali e di partecipazione alla vita cittadina. Attraverso lo spazio del Centro aggregativo gli anziani hanno la possibilità di vivere opportunità culturali diversificate, momenti di condivisione sia dal punto di vista sociale che religioso e sperimentare “scenari” in grado di favorire la riflessione e lo svago, sviluppare il senso dell’appartenenza ad un gruppo, e più in generale, alla comunità, promuovere la coscienza civica e il rispetto di sé e dell’altro e rinsaldare i legami tra le persone. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 70 anziani.

Colonie estive - Campi scuola
Nel tentativo di dare continuità ai percorsi socio-educativi intrapresi con i minori dei centri aggregativi vengono realizzate delle colonie e dei campi estivi, che si pongono come percorsi educativi e formativi per l’educazione al conoscere, l’educazione al vivere insieme e all’operare in spirito di solidarietà. La vita in colonia permette di strutturare, attraverso un sano divertimento, criteri di condotta e norme che consentano un corretto svolgersi della vita sociale, definendo il rapporto intercorrente tra libertà individuale ed esigenze del gruppo dei pari. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 100 tra minori e adolescenti in diversi periodi.

Sportello orientamento scolastico-professionale
Il Centro Padre Nostro e l’Endofap, Ente Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale, hanno stipulato una convenzione per l’insediamento di uno sportello multifunzionale che eroga ai giovani del territorio i servizi di accoglienza, consulenza, promozione e sostegno all’inserimento lavorativo, orientamento scolastico, orientamento al lavoro e bilancio competenze. Una nota particolare va all’orientamento scolastico e formativo rivolto agli adolescenti che hanno frequentato il corso per il conseguimento della licenza media che attraverso un colloquio motivazionale sono stati inseriti all’interno di corsi professionali per l’obbligo formativo. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 180 utenti, 80 utenti assistiti nella compilazione del curriculum, 6 utenti avviati al lavoro, 60 informazioni varie.

Progetto "Educare alla Cultura"
Corso per il conseguimento della licenza media inferiore per adulti e minori drop-out. Questo laboratorio si propone come obiettivo principale quello di consentire sia ad adolescenti che agli adulti, non aventi conseguito il titolo di studio della scuola dell’obbligo, di seguire e apprendere, tramite lezioni strutturate, contenuti teorici e pratici tali da permettere la presentazione degli stessi come candidati esterni agli esami di terza media. Particolarmente importante è il ruolo svolto dalla fitta rete di collaborazione che il Centro ha consolidato con le scuole medie pubbliche, che hanno segnalato gruppi di minori drop – out, usciti dal percorso regolare di studio causa abbandoni, bocciature, o inseriti con modalità diretta di ragazzi ritenuti “difficili” causa atteggiamenti di bullismo all’interno delle stesse scuole. Tra le scuole coinvolte vi sono: I.C.S Padre Pino Puglisi, S.M.S. Quasimodo, S.M.S. Don Milani, I.C.S. Guttuso, I.C.S. Di Vittorio, S.M.S. Sciascia. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 15 candidati.

Progetto di formazione rivolti a fasce deboli
Nel tempo, il Centro ha promosso, a cadenza periodica diverse iniziative formative rivolte a giovani, adolescenti, donne, allo scopo di fornire una risposta concreta ad esigenze legate all’istruzione e alla promozione umana dal punto di vista della crescita personale e alla creazione dei presupposti per un futuro inserimento lavorativo. Nel tempo sono stati realizzati : corsi per operatrici addette alle pulizie a cui è seguito uno stage con inserimento in impresa; corsi per la preparazione delle conserve alimentari, corsi di formazione della durata di 384 ore per parrucchiere e 192 ore per estetiste. L’ultimo corso che è attualmente attivo è il Laboratorio P.A.N.E. (Per Alimentare Nuove Espressioni) rivolto a n.10 donne residenti nel quartiere Brancaccio che prevede lo svolgimento di un corso mirato all’acquisizione di nozioni base sulla panificazione e di capacità di produzione artigianale, le cui lezioni teorico – pratiche saranno svolte da un giovane panificatore, inviato dall’UEPE di Palermo presso il ns. Ente al fine di svolgere un’azione riparativa. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 40 soggetti.

Misure alternative alla pena
Il servizio sociale del Centro Padre Nostro segue da tempo soggetti con procedimenti penali in corso proponendo come misura alternativa all’espiazione della pena la propria disponibilità nell’accogliere la persona attraverso l’affidamento in prova, permessi premio, semilibertà, azioni riparative, collaborando con l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Ufficio Minori del Ministero di Giustizia, con consulenti legali e con il Tribunale di Palermo, attraverso programmi rieducativi personalizzati per l’avvio di un percorso di crescita individuale, di integrazione e reinserimento sociale.

Microcredito
Il Centro Padre Nostro negli ultimi anni ha avviato dei processi di integrazione lavorativa attivando alcuni progetti di microcredito, rivolti in modo particolare a quei giovani che avendo seguito i corsi di formazione promossi dal Centro, si sono distinti per l’impegno, la costanza e la serietà. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 6 soggetti.

Formazione per il servizio civile
Dall’anno 2004 il Centro Padre Nostro è iscritto all’Albo degli Enti di Servizio Civile Nazionale, presenta e realizza progetti di Servizio Civile integrati alle attività istituzionali dell’Ente. Prima del 2004 il Centro già accoglieva gli obiettori di coscienza. Dal 2004, l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile ha assegnato negli anni all’Ente numerosi volontari nell’ambito di diversi progetti rivolti agli anziani, ai minori, alle famiglie, alle strutture di accoglienza, il cui ruolo si caratterizza come sostegno e supporto all’azione degli operatori di riferimento. I volontari, previo corso di formazione mirato all’assunzione di responsabilità e sviluppo delle capacità relazionali e comunicative, vengono impegnati nelle attività con minori, adulti, famiglie e anziani. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 16 volontari in servizio civile.

Tirocini pre-post lauream, tirocini professionalizzanti, stage
Sin dal 1997 il Centro ha attivato convenzioni con enti pubblici e privati per l’attuazione di tirocini e stage, nell’ambito dei quali il personale qualificato del Centro svolge funzioni di formazione, supervisione e tutoraggio. Le attività formative che vengono realizzate riguardano tirocini formativi e professionalizzanti per l’Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione - Corso di laurea in Psicologia, Facoltà di Scienze dell’Educazione, Facoltà di Lettere e Filosofia – Corso di laurea in Servizio Sociale, Università Kore di Enna. Nell’ambito della Convenzione con l’ Università degli Studi di Palermo, è prevista la possibilità che il Servizio Civile Nazionale effettuato presso il Centro sia riconosciuto come valido ai fini del tirocinio formativo. I tirocinanti vengono affidati alle 2 psicologhe e ai 3 Assistenti Sociali dell’Ente, che si impegnano a guidarli e tutorarli lungo tutto il percorso di tirocinio. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 10 tirocinanti, 6 stagisti.

Corsi di formazione rivolti a soci, operatori e volontari
Sin dalla sua nascita il Centro Padre Nostro garantisce la formazione permanente e la supervisione ai volontari ed agli educatori. Oltre alla partecipazione a specifici percorsi di formazione attivati in convenzione con gli enti predisposti, all’interno dei vari progetti/servizi viene garantita ai volontari ed operatori la formazione in itinere rappresentata da incontri periodici e dagli incontri di coordinamento e supervisione. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: 20 operatori.

Tutoraggio e supervisione delle attività
Il Centro di Accoglienza Padre Nostro da anni rivolge una attenzione sempre crescente nei confronti di coloro che, per svariati motivi connessi al proprio percorso di crescita individuale, sociale e professionale, si avvicinano al Terzo Settore. Per tali ragioni il Centro, promuove azioni atte a garantire ai tirocinanti, agli operatori ed ai volontari adeguate azioni di accompagnamento e supporto, condotte da figure professionali qualificate. L’impegno del Centro in attività di tutoraggio e supervisione è nato dalla necessità garantire agli utenti professionalità, competenza e responsabilità sociale degli operatori nei confronti dei destinatari degli interventi promossi. Le attività di tutoraggio, supervisione e monitoraggio hanno sinora riguardato, in maniera prioritaria, le consuete attività dell’Ente , ovvero tutte le attività sinora elencate. N. medio destinatari coinvolti in 1 anno: tutti gli operatori impegnati annualmente nelle attività promosse dall’Ente.

LE RELAZIONI CON IL TERRITORIO: COLLABORAZIONI CON PARTNER SOSTENITORI PRIVATI E PUBBLICI DEL TERRITORIO

Di fondamentale importanza nel lavoro svolto dal Centro di Accoglienza Padre Nostro è indubbiamente il legame con i cittadini del territorio ed in modo particolare con la comunità del quartiere Brancaccio: costante è stato il lavoro che il Centro ha svolto in questi anni, volto a costruire rapporti di fiducia con la popolazione e in modo particolare con le famiglie, lavoro che ha ancora una lunga strada da percorrere ma che comincia nello stesso tempo a dare i primi risultati positivi. L’Associazione, ha operato e continua a operare nella convinzione che solo attraverso il principio della sussidiarietà può effettivamente prodursi un vero mutamento sociale in positivo. Negli anni si è quindi impegnata nella costruzione di rapporti con istituzioni pubbliche e private, regionali, nazionali e internazionali che hanno consentito di costituire efficaci sinergie, che hanno reso senz’altro più efficiente l’azione di aiuto verso le fasce più deboli della società e che garantiscano un capovolgimento in positivo delle situazioni di disagio sociale presenti nel territorio. Denominazione Ente Pubblico del Territorio o con ricaduta sul Territorio della II Circoscrizione

  • Parrocchia San Gaetano – Maria SS. Del Divino Amore
  • S.M.S. "S. Quasimodo"
  • I.T.I.S. "A. Volta"
  • Istituto Comprensivo "G. Di Vittorio"
  • Direzione Didattica "F.Orestano"
  • Liceo Scientifico "E. Basile"
  • Scuola Secondaria di I grado "Don Milani"
  • D.D. Statale “Nazario Sauro”
  • I.C.S. "Renato Guttuso"
  • Scuola dell’infanzia paritaria "Ada Negri"
  • Osservatorio Dispersione Scolastica – Distretto14
  • Osservatorio Emergenza Abitativa
  • Unità Operativa Tutela Minori Settore Servizi Socio-Assistenziali Comune Palermo
  • Suore della Carità- Via Conte Federico
  • Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – Ufficio di Esecuzione Penale Esterna
  • Agenda 21 Locale – Progetto Palermo
  • Comune di Palermo – Settore Servizi Socio – assistenziali Ufficio Assistenza Sociale – Unità Organizzativa II Circoscrizione
  • SER.T. Servizio Tossicodipendenze- Distretto 14
  • E.S.I.S- Ente Siciliano di Servizio Sociale (Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo)
  • I.C.S. Padre Pino Puglisi
  • I.C.S. Piersanti Mattarella
  • Circolo ACLI Padre Pino Puglisi
  • Ass. Zagara
  • Ass. Ziguratt
  • Ass. Immagininaria No Profit
  • Ass. Immagininaria Ragazzi
  • Endo-Fap Ente Don Orione – Formaz. Agg. Profess.
  • Fondazione Giovanni Paolo II – Onlus – per il dialogo, cooperazione e sviluppo (1)
  • MC - MC
  • Associazione Seed-Learn
  • Delisa Sud

(1) Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione, nella seduta del 24.03.09, ha deliberato l’ingresso del Presidente del Centro Padre Nostro nel proprio Comitato Scientifico, quale supporto per il raggiungimento degli obiettivi statutari della Fondazione verso una regione del mondo come la Terra Santa e il Medio Oriente ora più che mai bisognosa di attenzione e impegno particolare.

Servizio per la fruizione dell'area:

  • Bonifica e pulizie;
  • Comunicazione integrata;
  • Innovazione tecnologica finalizzata alla fruizione.

Servizi per l'accoglienza:

  • Strutture sportive ( campo di calcetto)
  • Struttura accoglienza turistica
  • Servizio di noleggio di biciclette elettriche
  • Punto vendita di gadget, pubblicazioni, artigianato
  • Info Point, biglietteria, card convenzionate
  • Attività culturali per le scuole
  • Laboratori didattici per le scuole in visita
  • Punto di ristoro
  • Laboratorio produzione artigianale gelati
  • Laboratorio produzione rosticceria
  • Caffè letterario
  • Arena-Teatro
  • Centro informazione turistico
  • Internet Point
  • Area pubblica wi-fi
  • Il garage della musica
  • Posteggio pulman ed auto
  • Fermata autobus di linea
  • Fermata city Sightseeing
  • Miniclub
  • Ludoteca
  • Corner of Art
  • Mostra permanente sulla vita del Servo di Dio Padre Pino Puglisi

OGGI IL CENTRO E'

Non solo i minori, ma anche le famiglie più povere hanno avuto in questi anni un'assistenza continua e differenziata con la distribuzione di viveri e vestiario. Il servizio viene offerto non solo per alleviare le condizioni di disagio economico-materiale di tante famiglie, ma anche per avviare un contatto, un dialogo che possa aiutare la gente a promuoversi da sola. Il Centro garantisce la disponibilità all'ascolto della persona, attraverso uno staff composto da psicologhe, assistenti sociali, una ginecologa, un consulente familiare, avvocati. Si cerca di fornire risposte a bisogni di natura medica, psicologica e legale. L'impegno contro la dispersione scolastica si realizza attraverso laboratori di recupero scolastico, inteso non in modo tradizionale, bensì mirato al recupero di specifiche capacità psicomotorie quali apprendimento, memoria, capacità linguistica. All'interno dei progetti sono state realizzate attività laboratoriali, ludico-ricreative e di educazione artistica per il potenziamento, la valorizzazione ed il recupero delle abilità cognitive, della manualità, della creatività e dell'attenzione. In questi progetti vengono coinvolti alunni, insegnanti e genitori. Per favorire i processi di socializzazione, in questi anni non sono mancati i corsi di chitarra, di cucina e attività sportive, gite, campionati di calcetto e pallavolo, recite. Nel tentativo di dare poi continuità ai percorsi intrapresi durante gli anni, sono state organizzate delle colonie estive "Vacanze Vive" con l'obiettivo di strutturare norme che consentano un’adeguata promozione della vita sociale, realizzata anche attraverso un sano divertimento. Tra le colonie ricordiamo quelle svoltesi a Trogen in Svizzera, dove, presso il Villaggio Pestalozzi è stato realizzato anche il progetto "Palermo e Svizzera abitano insieme". Si è trattato di recuperare 15 ragazzi che ancora non avevano conseguito la licenza media. Presso il Villaggio i ragazzi hanno raggiunto in due anni questo obiettivo, imparando il tedesco e l'uso del computer. Al loro rientro a Palermo alcuni si sono inseriti nel mondo del lavoro, altri hanno conseguito il diploma di licenza media superiore. Il Centro Padre Nostro si occupa delle famiglie. Il Progetto “Centro per le Famiglie”, approvato dal Ministero del Welfare e dal Comune di Palermo, ha promosso strategie di appropriazione del territorio e delle risorse in esso presenti, da parte delle famiglie. Il “Centro per le Famiglie” ha coinvolto, attraverso gruppi di mutuo aiuto, colloqui di sostegno, consulenza individuale e di coppia, servizio baby, consulenza legale, numerose famiglie del territorio cittadino. Attraverso i servizi rivolti agli anziani (centri aggregativi, assistenza domiciliare, disbrigo pratiche) si lavora per migliorare la qualità della vita dell’anziano sottraendolo alla solitudine, creando opportunità di socializzazione a carattere ricreativo ma anche culturale. Per loro il Centro organizza momenti di preghiera, gite, pellegrinaggi e gemellaggi con altri centri sociali. Il Centro, inoltre, realizza un servizio di prima accoglienza per soggetti senza fissa dimora (Servizio Emmanuel) e un Centro Baby Parking (Servizio Holding), finalizzato a creare uno spazio educativo per i minori di età compresa tra 0 e 5 anni, e a sostenere le madri nello svolgimento o nella ricerca di un lavoro. Tutte le attività sono svolte da operatori professionali e da oltre 100 volontari. Per la formazione di questi ultimi, oltre ai campi scuola, ci si è avvalsi della collaborazione dell'Istituto di formazione socio-politica Padre Pedro Arrupe che ha programmato un percorso di seminari destinati proprio a volontari ed operatori sociali. Negli anni, l’impegno formativo del Centro si è sempre più ampliato attraverso l’inserimento di volontari in Servizio Civile Nazionale e dei Tirocinanti delle Facoltà di Psicologia, Scienze dell’Educazione e Scienze del Servizio Sociale. Inoltre, il Centro di Accoglienza Padre Nostro dal 1998 è socio del S.E.A.C. (Coordinamento di Enti ed Associazioni di Volontariato Penitenziario), e dal 16 giugno 2002 è referente regionale della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia. Infine da anni il Centro è impegnato nell’area dell’esecuzione penale esterna, attraverso l’inserimento nelle proprie attività di soggetti che, avendo riportato condanne inferiori a tre anni, devono scontare pene alternative alla detenzione.

IL FUTURO DEL CENTRO

Il terreno di 5.298 mq e le strutture nelle foto in basso sono stati donati al Centro dalle missionarie dell’Immacolata di Padre Kolbe. Con il vostro aiuto siamo riusciti a realizzare:

  • Centro Polivalente Sportivo (foto 1),
  • Centro di Ia Accoglienza (foto 2),
  • ad iniziare la ristrutturazione per il Centro Aggregativo Anziani (foto 3)

Continueremo con fiducia l'impegno di Padre Puglisi. Il nostro augurio è che il Centro rimanga crocevia di nuove frontiere, di umanità e libertà e siamo certi che anche grazie a voi questo continuerà ad essere possibile.

tag centro padre nostro tag chi siamo tag mission segnala pagina Segnala
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato La "Mission" del Centro Padre Nostro

04/02/2013