Palermo | 05/06/2020 | 04:41:22
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Centro Padre Nostro nel degrado. Scattano bonifica e lavori Amg

BRANCACCIO. Gli interventi del Comune dopo la dura lettera del presidente della struttura Artale: «da due anni regnano buio e rifiutu». Ieri manutenzioni in piazza Garibaldi

data articolo 01/11/2016 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Le condizioni di piazzale Anita Garibaldi ieri mattina
Le condizioni di piazzale Anita Garibaldi ieri mattina

Rifiuti e lampioncini rotti in piazza Anita Garibaldi, via Brancaccio al buio da due anni, e i luoghi di don Pino Puglisi restano nell’ombra. E’ la denuncia del presidente del Centro Padre Nostro, Maurizio Artale, che per Brancaccio chiede all’amministrazione la stessa attenzione profusa per il centro storico. Un lettera dura, che chiama in causa la giunta Orlando, e a fine giornata molti degli « scandalosi ritardi» vengono annullati: «Questa sera (ieri per chi legge, nrd) la strada dalla parrocchia al Centro Padre Nostro è improvvisamente illuminata – racconta Artale - e le squadre di Rap stanno pulendo la piazza dove è stato ucciso Puglisi e stanno potando gli alberi. Allora i miracoli sono possibili». Cronaca di una lunga giornata a Brancaccio, dopo la lettera piena di indignazione diramata da Artale. «Un gruppo di pellegrini guidato dal parroco del Duomo di Polistena, in Calabria, ha visitato la casa- museo del beato Giuseppe Puglisi e ha celebrato la messa. Con grande rammarico hanno notato lo stato di abbandono in cui versa piazzale Anita Garibaldi. Ancora l’assessore Marino non ritiene opportuno né dimettersi, né provvedere a tenere pulito e decoroso il luogo del martirio del beato Puglisi. Abbiamo accompagnato il gruppo al centro sportivo di via San Ciro, al teatro e al Centro di accoglienza e, complice l’ora solare, le strade di Brancaccio erano totalmente al buio. Da una parte sfoggiamo “Le vie dei tesori” e il percorso arabo-normanno e dall’altra non sappiamo valorizzare la grazia che Dio ha mandato con il martirio del beato Giuseppe Puglisi alla città di Palermo». Poi, l’amministrazione ha battuto un colpo, anzi due. L’assessore all’Ambiente, Sergio Marino, ha garantito maggiore attenzione per questi «luoghi simbolo» e ha inviato subito una lettera a Rap. Le squadre non si sono fatte attendere e hanno rimesso a nuovo piazza Anita Garibaldi. Il vicesindaco Emilio Arcuri non è stato da meno. Un convulso scambio di telefonate con Amg prodotto un sopralluogo e la repentina riparazione del punto luce di via Brancaccio. Intanto, sul sito del Comune è stato pubblicato l’avviso per la presentazione di progetti di realizzazione di attività di promozione della legalità negli ex lavatoi comunali di via Germanese e via Cirincione, appena ristrutturati. Anche a Brancaccio qualcosa si muove.

di Alessandra Turrisi

tag degrado tag p.le anita garibaldi tag giornale di sicilia segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta