Palermo | 19/10/2017 | 14:42:49
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

E il doposcuola si fa coi volontari
boom di iscritti nei rioni a rischio

Dall'Albergheria a Brancaccio, dal Capo al Borgo, molti giovani aiutano bimbi e ragazzi

data articolo 13/11/2016 autore La Repubblica categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
E il doposcuola si fa coi volontari boom di iscritti nei rioni a rischio
E il doposcuola si fa coi volontari boom di iscritti nei rioni a rischio

Ci sono anche  tanti bambini di origine straniera, nati e cresciuti nel quartiere. Dalle elementari alle superiori: tutti a Santa Chiara per fare i compiti assegnati a scuola. Diya, 12 anni, originaria delle Mauritius, è iscritta alla terza media. Non manca un solo giorno al doposcuola. «Quasi tutti frequentano le scuole della zona – dice Gabriele Cardaciotto, che organizza il doposcuola dei piccoli di santa Chiara – Facciamo una nostra valutazione in base alla media matematica di voti che mettiamo ogni giorno al doposcuola e poi premiamo i più bravi. Questo per loro è molto stimolante. E quando qualcuno non ha tanta voglia di studiare, i genitori sono pronti a rimproverare severamente».
Ci sono almeno una ventina di volontari, quasi tutti studenti delle scuole superiori e universitari, che ogni giorno garantiscono la loro presenza a Santa Chiara. « Dal primo giorni in cui ho visto i bambini – dice Chiara Vaccaro, 19 anni, volontaria iscritta all’università – ho capito che non avrei più smesso e così è stato – è una soddisfazione vederli progredire ogni giorno. E quando a scuola migliorano e vengono promossi, è una gioia per tutti noi».
E’ boom di iscritti in tutti i corsi di doposcuola organizzati nei quartieri a rischio dispersione. A Brancaccio il centro Padre Nostro ne accoglie ogni giorno 85. «Prima erano una cinquantina – dice Maurizio Artale  - oggi sono sempre di più. Le famiglie ce li affidano per toglierli dalla strada e farli studiare. E i risultati si vedono. Un ragazzo che abbiamo seguito dalle elementari è adesso violinista al teatro Massimo. Abbiamo bisogno di forze per offrire un servizio di qualità a tutti i bambini che ce lo chiedono. Ci servono più volontari: quelli del servizio civile non bastano».
I bambini di Brancaccio fanno doposcuola dell’auditorium del centro appena ristrutturato grazie a una donazione di Leroy Merlin. «Abbiamo voluto – continua Artale – un ambiente migliore per loro e ci siamo riusciti». Al centro sociale Anomalia del Borgo Vecchio ci sono in media 25 bambini per il doposcuola. «Ma le richieste sono molte di più -  dice Giuliana Spera, volontaria di Anomalia – e abbiamo pochi volontari rispetto alle esigenze del territorio. Perciò cerchiamo in tutti i modi nuove persone disposte ad aiutarci. Al momento possiamo garantire solo due giorni a settimana di doposcuola, invece le famiglie ce lo chiedono tutti i giorni».
Al centro Filippone del Capo, ogni giorno alle 16, c’è la fila. «Ci siamo solo noi in zona - dice Aurora Amodio, che gestisce il centro Filippone - Ragazzi che venivano da noi da piccoli oggi fanno i volontari. Se capita di chiudere per un giorno, le famiglie ci rimangono malissimo. I genitori spesso non hanno gli strumenti per aiutare i figli nei compiti scolastici e abitano in case minuscole dove non c’è neanche lo spazio per aprire i libri e studiare. Proprio per questo vogliono che i figli vadano avanti a scuola».

di Caludia Brunetto

Fonte: La Repubblica

tag materiale didattico tag studio tag brancaccio segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Prendono il via le attività di recupero scolastico al Centro di Accoglienza Padre Nostro
Una grande emozione ritrovarsi tutti insieme!
20/10/2016
articolo correlato Lezioni e libri gratis, la scuola che va avanti grazie al volontariato
Associazioni onlus, studenti universitari e pensionati organizzano corsi di recupero e attività sportive
22/09/2016
articolo correlato Richiesta materiale didattico
«Il primo dovere a Brancaccio è rimboccarsi le maniche. E i primi obiettivi sono i bambini e gli adolescenti: con loro siamo ancora in tempo, l'azione pedagogica può essere efficace» (3P)
19/09/2016