Palermo | 15/12/2017 | 01:36:57
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Bassetti nel segno di don Pino: niente connivenze tra mafia e Chiesa

L’esortazione pronunciata dal Presidente della Cei: “Chi è discepolo di Cristo è tenuto a denunciare”
I fiori gialli di duemila ragazzi sulla tomba del sacerdote

data articolo 16/09/2017 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
I fiori gialli dei bambini sulla tomba di don Pino Puglisi
I fiori gialli dei bambini sulla tomba di don Pino Puglisi

«Con la mafia non si convive. Fra la mafia e il Vangelo non può esserci alcuna convivenza o tantomeno connivenza. Non può esserci alcun contatto né alcun deprecabile inchino». È l’eredità civile di don Pino Puglisi quella che, insieme a quella spirituale, fanno di questo sacerdote martire, ucciso dalla mafia «un figlio coraggioso della “Chiesa che parla” e che non sta in silenzio; di una Chiesa che non si inchina davanti a nessuno, ma che si inginocchia solo davanti a Gesù Cristo crocifisso e ai poveri per lavar loro i piedi». Lo dice a chiare lettere il vertice della Chiesa italiana, il nuovo Presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, davanti a centinaia di persone riunite nel luogo in cui un colpo di pistola alla nuca tentò di fermare l’opera rivoluzionaria di un prete che «abitava le periferie, viveva le frontiere».
La veglia di preghiera a Piazza Anita Garibaldi, dove don Puglisi fu ucciso 24 anni fa, nel giorno del suo 56° compleanno, è l’evento conclusivo di una lunga giornata della memoria cominciata alle 10.00 del mattino con circa duemila ragazzi delle scuole, guidati dagli operatori del Centro Padre Nostro e assiepati in Cattedrale per ascoltare le parole di don Puglisi e portare un fiore giallo di carta sulla sua tomba a forma di spiga di grano.

Il ricordo di Lorefice

Poi nel pomeriggio una celebrazione eucaristica, sempre in Cattedrale, presieduta dall’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, che di Puglisi fu amico e collaboratore al Centro regionale vocazionale, alla fine degli anni Ottanta.
“La vita di don Pino è stata quella di un pastore che si prende cura degli altri e che ha tanto amato da donare la sua vita – dice l’arcivescovo durante l’omelia -. Una storia di riscatto dal male, che incarna la sua pastorale nella vita concreta della gente, da Godrano a Brancaccio, attraverso tutta la sua poliedrica attività in diocesi”. Poi consegna simbolicamente la sua lettera pastorale ad alcuni sacerdoti, laici, giovani, al cardinale Bassetti, al Sindaco Leoluca Orlando, che ringrazia l’arcivescovo confermando «il cammino della città in ricordo e in coerenza con l’insegnamento di padre Puglisi».

Il cardinale Bassetti

A un particolare ricordo personale si lascia andare il cardinale Bassetti, perché «don Pino è stato un volto a me caro e persino familiare. L’ho conosciuto personalmente fra gli anni Settanta e Ottanta. Ero rettore del Seminario di Firenze e responsabile del Centro regionale per le vocazioni. Anche don Pino era impegnato in Seminario e nel Centro vocazionale. Ci vedevamo agli incontri nazionali. Ne ricordo ancora il suo sorriso, il suo sguardo, la sua dedizione totale al Signore. Una persona apparentemente fragile. Ma già allora si percepiva che era un gigante della fede. Percorreva altre strade rispetto a tutti noi». E lancia parole di forte condanna della mafia, ma anche di rinnovato senso di responsabilità dei cristiani. «Chi è un discepolo di Cristo, chi è figlio della luce è tenuto a denunciare le tenebre, quindi le organizzazioni criminali. Denunciarle con le parole, con i gesti, con la sua testimonianza – dice senza mezzi termini – ma anche rivolgendosi alle forze dell’ordine e alla magistratura che in questo territorio, come nel resto dell’Italia, hanno pagato anche con il sangue il loro impegno contro l’illegalità: oltre a Carlo Alberto dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che sono stati uccisi qui a Palermo, vorrei ricordare il giudice Rosario Livatino, di cui è in corso il processo di beatificazione».
Nessuna intenzione di trasformare il beato Puglisi in un «santino», «don Pino, infatti, ci chiede di impegnarci nell’educazione alla vita buona che è legalità, apertura dell’altro, rispetto delle regole e della convivenza civile».

Mattarella e Grasso

Numerosi i messaggi giunti dalle più alte cariche dello Stato. Per il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, «la sua è stata una vita di coerenza a servizio dei più deboli e svantaggiati, per liberarli dalla spirale di emarginazione e illegalità, e aprire così la strada verso una piena cittadinanza». E il Presidente del Senato, Pietro Grasso, ricorda «quel sorriso, dolce e forte allo stesso momento», che «si impresse nell’animo dei due uomini che lo ammazzarono. Fu così che, dopo il loro arresto, decisero di convertirsi e collaborare con la giustizia».

di Alessandra Turrisi

tag XXIV anniversario tag martirio tag padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato In bici nei luoghi di don Pino Puglisi. Passeggiata dal centro a Brancaccio
LA PEDALATA. Partenza dalla cattedrale, tappa pure alla casa natale del Beato
16/10/2017
articolo correlato A Godrano la 1^ Giornata di commemorazione in ricordo del Beato Giuseppe Puglisi
Il programma delle manifestazioni che si terranno presso la Chiesa Maria AA. Immacolata di Godrano
29/09/2017
articolo correlato Appello nel nome di don Puglisi “Ascoltiamo la voce dei disperati”
PALERMO. Lettera pastorale di mons. Lorefice ricordando il prete ucciso dalla mafia
16/09/2017
articolo correlato Oggi il ricordo di don Puglisi il prete – coraggio che sfidò i boss
Pubblicato su La Sicilia
15/09/2017
articolo correlato Bassetti: padre Puglisi faceva paura alla mafia
LA MEMORIA. A 24 anni dall’omicidio, ieri il parroco di Brancaccio è stato commemorato dal presidente della Cei: predicava l’amore nei territori dominati dalla malavita
15/09/2017
articolo correlato A Brancaccio il ricordo di Padre Puglisi
L'ANNIVERSARIO
15/09/2017
articolo correlato Una straordinaria testimonianza in ricordo del parroco ucciso dalla mafia
Il DVD con il Giornale di Sicilia a soli 5,90€
13/09/2017
articolo correlato Proiezione del docu-film 'Padre Pino Puglisi. Fiat Voluntas Dei. Il Sacrificio di un Beato' di Francesco Millonzi al Pagliarelli
6 settembre. Manifestazione inserita nel programma XXIV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
05/09/2017
articolo correlato Sicilia Sera. Ospiti Maurizio Artale e Domenico Buccheri in occasione delle manifestazioni per il 24° Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
La puntata condotta da Filippo Cucina
02/09/2017
articolo correlato L’anniversario. Per la prima volta un programma unico voluto dalla diocesi. Il 15 l’omaggio sulla tomba, la messa in cattedrale e la veglia con il cardinale Bassetti
Dal primo settembre al 21 ottobre tante manifestazioni in memoria del parroco ucciso dalla mafia nel ’93 a Brancaccio Saranno proiettati due docufilm all’Ucciardone, al Pagliarelli e in piazza a Corleone. L’intera iniziativa ha ricevuto la medaglia di rappresentanza dal presidente della Repubblica.
18/08/2017
articolo correlato 24° Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
L'Arcidiocesi di Palermo lo ricorda con un calendario di iniziative che vanno dal 1 Settembre al 21 Ottobre 2017
17/08/2017