Palermo | 23/01/2018 | 17:01:13
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Le famiglie siriane aprono la marcia della pace di Palermo

I profughi sono arrivati l'anno scorso con i corridoi umanitari e sono ospiti presso le strutture del Centro Diaconale Valdese "La Noce". Il corteo partirą alle 17 del primo gennaio dal quartiere Danisinni. Alle 18 la liturgia per la pace nel mondo nella cattedrale

data articolo 29/12/2017 autore Redattore Sociale categoria articolo INIZIATIVE
 
torna indietro
Marcia per la Pace 2018
Marcia per la Pace 2018

PALERMO - Saranno le famiglie siriane arrivate l'anno scorso con i corridoi umanitari sostenuti dalla tavola valdese e dalla comunità di Sant'Egidio ad aprire quest'anno la marcia per il 51esimo anniversario della giornata mondiale della pace che, per la prima volta a Palermo, partirà dal quartiere Danisinni. L'evento è promosso da comunità di Sant’Egidio, chiesa valdese e arcidiocesi di Palermo. La scelta di Danisinni non è stata casuale considerato che, da quartiere spesso etichettato come ghetto, da qualche anno invece, grazie a parecchie iniziative come il circo sociale e la fattoria sociale, sta rinascendo con l'obiettivo di diventare un modello virtuoso per tutta la città. Il raduno dei partecipanti avrà luogo proprio nel cuore di Danisinni il primo gennaio alle 17 davanti alla parrocchia Sant’Agnese per poi proseguire in cattedrale, dove alle 18 sarà celebrata la liturgia per la pace nel mondo. La marcia verrà aperta dai migranti e in particolare dalle famiglie di profughi siriani giunti con i corridoi umanitari e ospiti presso le strutture del Centro Diaconale Valdese “La Noce”.

"Siamo un popolo di cercatori di pace profondamente autentica - dice Vincenzo Ceruso, uno dei responsabili della comunità di Sant'Egidio di Palermo e da poco segretario della consulta dei laici della diocesi - che si ritrova insieme unito per testimoniare una idea di città come comunità alta dal punto di vista etico e umano, al di là delle divisioni. Riteniamo pertanto che sempre di più la nostra tensione spirituale debba essere quella di uscire dal tempio e da quella auto-referenzialità e chiusura per spingersi oltre e conoscere le diverse realtà che ci circondano. La marcia della pace simbolicamente è la marcia della liberazione dalle tutte le schiavitù per il riconoscimento pieno dei diritti di tutti, italiani e stranieri. La pace ricordiamoci che va declinata ogni giorno con lo sforzo di costruire una società diversa che parta sempre dal sostegno e dalla valorizzazione degli ultimi".

"Marciamo con il passo dei cercatori di pace. Marciamo con lo sguardo rivolto ai poveri delle nostre città - si legge nell'appello per la pace in tutte le terre -. Marciamo con il desiderio che abbia fine ogni mafia e ogni violenza. Marciamo per la difesa delle risorse naturali e per uno sviluppo sostenibile, fondamentale garanzia di pace. Marciamo per la libertà religiosa e di pensiero. Marciamo con il cuore e la mente rivolti ai tanti paesi in guerra e preda del terrorismo. Marciamo con lo sguardo rivolto al mare, ai migranti e ai rifugiati, 'uomini e donne in cerca di pace'. Marciamo con gratitudine per la vita ricevuta in dono. Marciamo senza bandiere. Senza nulla da difendere, che non sia la nostra umanità. Senza slogan, che non siano parole di pace. Le parole della pace sono: 'accogliere, promuovere, proteggere e integrare' (Papa Francesco). Marciamo con il sogno del pastore Martin Luther King, che un giorno tutti gli uomini e le donne 'sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza'. Marciamo con una convinzione: la pace è possibile. Marciamo con una invocazione: sia pace su Gerusalemme. Pace in tutte le terre!".

Alla marcia hanno aderito: arcidiocesi di Palermo, chiesa valdese di Palermo, parrocchia Sant'Agnese, comunità di Sant’Egidio, centro Diaconale “La Noce”, Ordine Francescano Secolare dei Cappuccini, parrocchia Santa Maria della Pace, Festival delle letterature migranti, Movimento dei focolari, laici comboniani, centro studi Pedro Arrupe, osservatorio migranti, centro Padre Nostro, “Associazione Padre Giuseppe Puglisi. Si, ma verso dove”, suore paoline, Centro d’Iniziativa Democratica degli Insegnanti, Movimento Cristiano Lavoratori, Centro aiuto alla vita, Associazione culturale polizia municipale di Palermo. (Serena Termini)

© Copyright Redattore Sociale

Il Centro di Accoglienza Padre Nostro con un gruppo di volontari, parteciperà alla Marcia per la Pace.

ALLEGATI

allegatoLocandina [9]

tag corteo tag famiglie tag marcia per la pace segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA