Palermo | 17/12/2018 | 18:20:14
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

La famiglia racconta il don Pino privato

Articolo di Avvenire

data articolo 16/09/2018 autore Avvenire categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

«Pino era come carta moschicida per come attira i giovani». E poi. «Mio fratello era piccolo ma aveva il 43 di piede e mani grandi così. In più aveva le orecchie a sventola e la testa pelata». E ancora. «A chi lo chiamava “monsignore” invariabilmente rispondeva to’ patre». Raccontano il “loro” padre Puglisi: il più intimo, il più privato, il più personale. Sono i familiari del prete ucciso dalla mafia venticinque anni fa. I due fratelli di don Pino, prima di tutto, ossia Gaetano e Francesco. Ma anche le rispettive mogli, Giacoma e Angelina, e i loro figli, vale a dire i nipoti. Parlano con cuore aperto benchè la loro sia una famiglia marcata dalla ritrosia e in parte ancora segnata dal dolore di quella morte. Le loro testimonianze sono al centro del libro Padre Pino Puglisi martire di mafia che, è svelato «per la prima volta» dai suoi parenti più stretti. L’autore del volume è Fulvio Scaglione, già vicedirettore di Famiglia Cristiana e oggi commentatore di attualità internazionale per Avvenire, che – scrive nell’introduzione – ha provato a «raccontare il beato Pino Puglisi con i loro occhi e i loro sentimenti», quelli dei familiari appunto, per «capire che cosa vedevano e sentivano loro del santo e dell’eroe».

«Una volta – dice Francesco – mi hanno chiesto: quando vi siete accorti di avere un santo in casa? Ho risposto: mai». E con amarezza ammette: «Avrei preferito avere oggi mio fratello vivo in casa che non avere in famiglia un santo…». Prete vicino alla gente, don Puglisi è stato per tre anni parroco a Brancaccio, quartiere d’origine della famiglia. Giacoma ricorda un episodio. «C’era una donna che faceva la prostituta e andava sempre in chiesa a prendere dal piatto perché non ce la faceva più a tirare avanti. Pino notò, la avvicinò, le chiese di che cosa aveva bisogno. E cominciò ad aiutarla con le bollette e i conti di casa. Lei fu’ così colpita da quel gesto che cominciò a frequentare la Messa e cambiò la vita». Nel libro – che ha la prefazione dell’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice – viene dato ampio spazio al Centro Padre Nostro, il “ pronto soccorso” sociale voluto Brancaccio da Puglisi. E ancora oggi il prete martire resta un riferimento domestico. «Lui era sempre presente nella nostra famiglia e lo è tuttora anche se non c’è più – confida Francesco. A noi fratelli e ai suoi nipoti, di fronte a qualche difficoltà, viene spontaneo chiedersi: ma Pino come si sarebbe regolato? Che cosa avrebbe fatto in questa situazione». Voce di speranza che i colpi di pistola dei killer di Cosa Nostra non hanno certo messo a tacere.

Giacomo Gambassi

tag libro tag fulvio scaglione tag padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta