Palermo | 22/05/2019 | 17:06:27
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Il giorno dopo l'atto vandalico: altra catena rotta, sedia incendiata e vaso rotto all'ingresso del Centro di Accoglienza Padre Nostro

La provocazione di Artale: «adesso la prossima mossa tocca allo Stato»

data articolo 10/03/2019 autore Maurizio Artale categoria articolo COMUNICATI
 
torna indietro
Il giorno dopo l'atto vandalico: altra catena rotta, sedia incendiata e vaso rotto all'ingresso del Centro di Accoglienza Padre Nostro
Gli atti vandalici di domenica 10 marzo 2019

Caro "Stato", la paranza di Brancaccio ti ha lanciato il guanto della sfida mentre ieri veniva lanciata la notizia dell'inquietante atto vandalico nei confronti dell'azione del Centro di Accoglienza Padre Nostro e delle Istituzioni per la costruzione di un asilo nido a Brancaccio. Forse, proprio in quei frangenti, gli stessi "picciriddi" tagliavano l'altra catena che avevo legato attorno al cancello d'ingresso dell'area in cui sorgerà l'asilo, sono entrati e hanno appiccato il fuoco alla sedia che avevano lasciato ieri al posto della pedana, al centro del terreno.
Successivamente sono passati davanti la sede del Centro di Accoglienza Padre Nostro e hanno rotto uno dei due vasi che ne ornavano l'ingresso.

Adesso la prossima mossa tocca a te: lasciare lo "STATO" delle cose così come sono o cogliere immediatamente la sfida e cambiare lo "STATO" delle cose.

Come diceva il nostro fondatore "noi volontari del Centro da soli non ce la possiamo fare, anche se non ci arrenderemo mai".

ALLEGATI

allegatoAnsa.it - Atto vandalico in Centro Padre Nostro,'Caro Stato ti scrivo' [54]

allegatoBlogSicilia.it - Ancora intimidazioni al Centro Padre Nostro, incendi e danneggiamenti  [58]

allegatoLaSicilia.it - 'Caro Stato ti scrivo', la lettera del Centro Padre Nostro dopo l'ennesimo attacco [66]

allegatoGiornale di Sicilia - Palermo, rogo e vasi rotti: le foto del raid nell'area del nuovo asilo a Brancaccio [63]

allegatoBlogSicilia.it - L’asilo nido di Brancaccio si farà, sfida bipartisan alla 'cultura del vandalismo' [36]

allegatoPalermotoday - Brancaccio, ancora raid vandalici contro il centro Padre Nostro: 'Sedia incendiata e vasi rotti' [33]

allegatoLiveSicilia - Vandalismo al centro Padre Nostro 'Caro Stato, Brancaccio ti sfida' [40]

allegatoGiornale di Sicilia - Palermo, secondo raid vandalico nell'area del nuovo asilo di Brancaccio: appiccato rogo nel terreno [21]

tag cronaca tag atti vandalici tag asilo nido segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Asilo di Brancaccio, governo in campo. La scuola dedicata al Beato don Pino Puglisi
Dal Cipe stanziati quasi 3 milioni di euro, sabato il ministro Lezzi in visita nel quartiere
25/04/2019
articolo correlato Una manifestazione di solidarietà nell'area in cui sorgerà l'Asilo Nido 'I piccoli di padre Puglisi'
27 aprile 2019 ore 9.30. Saranno presenti il Ministro Barbara Lezzi e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Vito Crimi
02/04/2019
articolo correlato Tra Brancaccio e Zen1, la paranza dei bambini di Cosa nostra all'asilo
Intimidazioni al "nido" di don Puglisi, danni allo "Sciascia": stesse mani di ragazzini
13/03/2019
articolo correlato Sesto atto intimidatorio nell'area di Brancaccio in cui sorgerà l'asilo nido intitolato a Padre Pino Puglisi
Artale: «Sembra che questa battaglia lo Stato non voglia davvero combatterla a Brancaccio»
11/03/2019
articolo correlato A meno di 24 ore dalla consegna del progetto alle Istituzioni un atto vandalico nel terreno in cui sorgerà l'asilo nido tanto desiderato dal Beato Giuseppe Puglisi
Trafugato lo striscione del progetto dell'asilo nido e rotto il catenaccio del cancello d'ingresso all'area in cui sorgerà la struttura.
Il Ministro Barbara Lezzi manifesta la sua solidarietà al Centro Padre Nostro con un post sulla sua pagina facebook
09/03/2019