Palermo | 17/10/2019 | 05:23:49
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Brancaccio avrà il suo asilo. Si avvera il sogno di don Pino

Pronti 3,4 milioni per realizzare la struttura

data articolo 09/03/2019 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Brancaccio avrà il suo asilo. Si avvera il sogno di don Pino
Brancaccio. Cerimonia dove sorgerà l'asilo, presenti i vescovi Corrado Lorefice e Luciano Giovannetti

Nascerà all’ingresso di Brancaccio, subito dopo il cavalcavia, l’asilo nido sognato da don Pino Puglisi, ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993. Ieri mattina il Centro di accoglienza Padre Nostro, fondato dal sacerdote martire, ha donato al Comune il progetto definitivo dell’opera, che sarà finanziata con 3,4 milioni di euro del Fondo di sviluppo e coesione. Si attende il via libera del Cipe, che dovrebbe arrivare il prossimo 4 aprile e che sbloccherà anche gli altri 8,3 milioni per la costruzione della piazza, l’ «agorà» di Brancaccio. Lo ha confermato Steni Di Piazza, vicepresidente della commissione Finanze al Senato, del M5S, che ha partecipato assieme alla deputata Roberta Alaimo, ringraziando «il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vicepresidente Luigi Di Maio, il ministro per il Sud Barbara Lezzi che hanno condiviso con noi l’impegno per questa opera che sorgerà nella nostra città».

Proprio sul terreno comunale, ripulito a tempo di record dalle maestranze della Rap, in cui sorgerà la struttura intitolata «I Piccoli di 3P » si sono dati appuntamento volontari, amministratori, sacerdoti, vescovi, studenti e professori, per scrivere la prima pagina di un nuovo capitolo per quel pezzo di periferia rimessa al centro con la storica visita di papa Francesco. Proprio il Pontefice, lo scorso 15 settembre, ha benedetto quei documenti custoditi in uno scatolo verde, che Mariangela D’Aleo, responsabile del Centro Padre Nostro, prossima al parto della sua seconda bimba, ieri ha consegnato nelle mani di altre due donne, il nuovo assessore comunale ai Lavori pubblici, Maria Prestigiacomo (l’iter è stato seguito finora dall’ex assessore Emilio Arcuri), e il responsabile unico del procedimento, Diletta De Angelis. E qui c’è il primo nodo da sciogliere. Secondo il presidente del Centro Padre Nostro, Maurizio Artale, il progetto definitivo commissionato ad un professionista, col sostegno della Fondazione Giovanni Paolo II e del quotidiano Avvenire, e donato al Comune deve essere accettato con una delibera di giunta e poi la strada è tracciata. Secondo il rup De Angelis, invece, si tratta di un’idea di progetto e il Comune, dopo avere ottenuto il decreto di finanziamento del Cipe, dovrà bandire una gara per la progettazione e poi una per la realizzazione dell’opera.

Alla cerimonia il sindaco Leoluca Orlando, l’arcivescovo monsignor Corrado Lorefice, il presidente della fondazione Giovanni Paolo II, monsignor Luciano Giovannetti, assessori, consiglieri comunali, presidi. «Siamo qui per fare memoria del beato Puglisi, perché la memoria costruisce futuro – sottolinea il sindaco Leoluca Orlando – È un passo avanti verso la vivibilità di questo quartiere». «Si riparte dal vero centro, si riparte dai più piccoli per incidere davvero nel cambiamento – aggiunge l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, - i bambini non sono cosa nostra, né di Cosa nostra, sono i figli di questo Padre nostro. Ed è bello che questo progetto venga fuori da un lavoro di rete». «È questo che abbiamo fatto in 26 anni, abbiamo creato relazioni» dice il Presidente del Centro di Accoglienza Padre Nostro, Maurizio Artale. Il parroco don Maurizio Francoforte guarda intorno le brutture indecorose e offensive che deturpano Brancaccio: «Mi piacerebbe che questo quartiere non fosse più ricordato come luogo di morte, ma per la bellezza dei bambini che lo rendono festoso».

Alessandra Turrisi

tag giornale di sicilia tag atti vandalici tag asilo nido segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta