Palermo | 22/08/2019 | 02:46:32
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

«I genitori intervengono, i figli vanno educati»

Il Presidente Greco: presto un’assemblea nella circoscrizione. Vive di fronte al campo preso di mira, «difendiamo ciò che si è costruito»

data articolo 11/03/2019 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
I genitori intervengono, i figli vanno educati
Articolo del Giornale di Sicilia

Un’assemblea di cittadini, «per spiegare alle famiglie che è necessario educare i figli in un altro modo, nel rispetto del nostro quartiere». Il presidente della seconda circoscrizione, Mario Greco, abita da sempre di fronte a quel terreno “conteso”, ci abitavano i suoi nonni, che avevano pure un cinema all’aperto. Lo ha visto pure trasformarsi da campo coltivato al di qua della ferrovia in spazio espropriato per la costruzione del sottopasso e, adesso, in potenziale culla di una nuova cittadella dell’infanzia. C’era anche lui, venerdì alla cerimonia, per la consegna del progetto definitivo al Comune. «La gente è felice che il quartiere possa sorgere, ma è necessario che venga rispettato quello che sta nascendo sul territorio- afferma Greco – Parlerò con tutto il consiglio della circoscrizione di ciò che sta accadendo e penso di proporre un’assemblea di quartiere per lanciare questo messaggio ai genitori». Già, perché sembra siamo ragazzini molto piccoli i responsabili apparenti delle continue incursioni di questi ultimi giorni sul terreno in cui sorgerà l’asilo. «C’è poca buona volontà da parte dei genitori di seguire i bambini, di educarli in casa - osserva il presidente Greco - Lasciano che stiano per strada a combinare guai, senza dire niente. In questo terreno c’è sempre stata la vampa di San Giuseppe, ma negli ultimi anni sono state commesse azioni incresciose contro la polizia o i vigili del fuoco intervenuti. Anche io e tanti altri - aggiunge Greco - siamo figli di questo quartiere, siamo la dimostrazione che è possibile nascere qui ed essere persone normali, persone perbene, lavoratori. Mi considerano un vicino di casa, ho detto a chi vive qui che non è questo l’atteggiamento giusto. Dobbiamo difendere quello che si costruisce a Brancaccio».

tag atti vandalici tag brancaccio tag mario greco segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta