Palermo | 08/12/2019 | 07:32:47
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Tra Brancaccio e Zen1, la paranza dei bambini di Cosa nostra all'asilo

Intimidazioni al "nido" di don Puglisi, danni allo "Sciascia": stesse mani di ragazzini

data articolo 13/03/2019 autore Il Fatto Quotidiano categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Tra Brancaccio e Zen1, la paranza dei bambini di Cosa nostra all'asilo
Articolo de Il Fatto Quotidiano

Non c’è pace per Palermo in queste ore. Prima gli atti intimidatori nel quartiere Brancaccio dove sorgerà l’asilo nido don Puglisi, poi il raid vandalico alla scuola “Sciascia” nel quartiere Zen1. Mani diverse ma pur sempre mani di ragazzini, figli di una mentalità mafiosa che sembra attanagliare la città nei suoi quartieri più poveri e più difficili. A Brancaccio non se l’aspettavano. Venerdì scorso il centro “Padre Nostro” ha consegnato all’amministrazione il progetto dell’asilo che sarà finanziato con 3,4 milioni di euro dal Fondo di sviluppo e coesione. Una “festa” per il presidente Maurizio Artale e per i volontari del centro che finalmente realizzeranno uno dei sogni di padre Pino Puglisi.

MA OGGI come negli anni 90 quando a essere minacciato era quel “parrino” che strappava i più piccoli dalle famiglie mafiose, a qualcuno non è piaciuta l’idea che in quella piazza potesse sorgere una scuola. E a far sentire la voce di qualche boss hanno inviato i bambini a strappare lo striscione che annunciava il progetto, rompere catenaccio e lucchetto e minacciare Artale: “Ho trovato tre ragazzini, una bambina che faceva da palo e altri due nel terreno dell’asilo. Quando li ho chiamati uno di loro mi ha guardato in faccia e mi ha detto: “Tu cu si? Unn’è u tuo u tirrienu e ccà tu asilo un ni costruisci” (Tu chi sei, il terreno non è tuo e qui tu asilo non ne costruisci”)”. Ma non basta, rimessa la catena sono tornati e l’hanno di nuovo spezzata e fatta sparire, portando nel campo pezzi di mobili vecchi per appiccare il fuoco. Artale non ha dubbi: “Non è farina del sacco dei bambini. C’è dietro ben altro. Abbiamo cambiato sei catenacci e andiamo avanti. Oggi lo Stato e l’amministrazione comunale stanno dalla nostra parte e noi non possiamo fermarci. In quello spiazzo vogliamo l’illuminazione in modo da vivere già da ora quel luogo”. Artale non s’arrende. Sa che con lui c’è una maggioranza silenziosa di cittadini che ancora non hanno il coraggio di denunciare ma stanno dalla sua parte. A sentirsi soli e abbandonati ci sono, invece, gli insegnanti e il preside del plesso Smith preside del plesso Smith dell’istituto “Sciascia”. Lunedì mattina si sono trovati davanti all’ennesimo atto vandalico. Quando i collaboratori scolastici hanno aperto la scuola dell’infanzia hanno subito capito che qualcosa era successo. Hanno trovato scaraventato a terra il materiale didattico, i giochi dei bambini, le ante degli armadi. Chi si è infilato l’ha fatto da una finestra che ha rotto ed è fuggito con due radio registratori e la macchina del caffè delle insegnanti. Fortunatamente computer e altro materiale era conservato ina stanza blindata. “Siamo stanchi – spiega Concetta Sinopoli, responsabile del plesso Smith – di subire questi atti vandalici, c’è un senso di rabbia insieme alla sensazione di essere impotenti. Non sappiamo come difenderci. Chiamiamo le forse dell’ordine, vengono, fanno i verbali, ma poi se non abbiamo nemmeno l’impianto di videosorveglianza che possono fare?”. Due anni fa un altro atto di vandalismo ha distrutto le telecamere e da allora non c’è più alcun mezzo per proteggere la scuola:” Nonostante la nostra richiesta per riattivarlo il Comune non risponde”, continua la maestra.

Alex Corlazzoli

tag cronaca tag atti vandalici tag asilo nido segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Asilo di Brancaccio, governo in campo. La scuola dedicata al Beato don Pino Puglisi
Dal Cipe stanziati quasi 3 milioni di euro, sabato il ministro Lezzi in visita nel quartiere
25/04/2019
articolo correlato Una manifestazione di solidarietà nell'area in cui sorgerà l'Asilo Nido 'I piccoli di padre Puglisi'
27 aprile 2019 ore 9.30. Saranno presenti il Ministro Barbara Lezzi e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Vito Crimi
02/04/2019
articolo correlato Sesto atto intimidatorio nell'area di Brancaccio in cui sorgerà l'asilo nido intitolato a Padre Pino Puglisi
Artale: «Sembra che questa battaglia lo Stato non voglia davvero combatterla a Brancaccio»
11/03/2019
articolo correlato Il giorno dopo l'atto vandalico: altra catena rotta, sedia incendiata e vaso rotto all'ingresso del Centro di Accoglienza Padre Nostro
La provocazione di Artale: «adesso la prossima mossa tocca allo Stato»
10/03/2019
articolo correlato A meno di 24 ore dalla consegna del progetto alle Istituzioni un atto vandalico nel terreno in cui sorgerà l'asilo nido tanto desiderato dal Beato Giuseppe Puglisi
Trafugato lo striscione del progetto dell'asilo nido e rotto il catenaccio del cancello d'ingresso all'area in cui sorgerà la struttura.
Il Ministro Barbara Lezzi manifesta la sua solidarietà al Centro Padre Nostro con un post sulla sua pagina facebook
09/03/2019