Palermo | 22/01/2021 | 22:35:42
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Il martirio di don Pino. Comunità alloggio e un piccolo nido per ricordare Puglisi

S’inaugurano le strutture destinate ad accogliere bambini e minori

data articolo 07/09/2020 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

A testa alta, con un sorriso, sempre. Anche il 15 settembre 1993 davanti ai suoi assassini che «in silenzio gli andarono di spalle. Lo fermarono chiamandolo padre, perché era un sacerdote». Mentirono quando gli dissero «è una rapina». Lui, padre Pino Puglisi, 3P come talvolta amava firmarsi, rispose soltanto «me l’aspettavo». E fece l’ultimo dei suoi sorrisi al killer Gaspare Spatuzza, «u tignusu», uno dei più sanguinari di Cosa nostra (collaboratore di giustizia dal 2008) che gli sparò un colpo alla nuca.

«Don Pino – ha detto papa Francesco – ha educato i ragazzi secondo il Vangelo vissuto, li sottraeva alla malavita. E così questa ha cercato di sconfiggerlo, uccidendolo. In realtà, però, è lui che ha vinto con Cristi risorto».

Sono passati ventisette anni dal giorno del martirio del Beato Giuseppe Puglisi e, fino alla fine del mese, saranno tante le manifestazioni per ricordarlo organizzate dal «Centro accoglienza Padre nostro» e dalla diocesi di Palermo (che hanno ricevuto la «Medaglia di rappresentanza» da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella).

Il primo evento sarà l’inaugurazione del micronido holding «Beato Giuseppe Puglisi e santa Rosa Venerini» venerdì 11 alle ore 11 in via Belmonte Chiavelli. Poi, la proiezione del cartone animato di Rosalba Vitellaro, «La missione di 3P», ispirato alla sua vita.

Si continua lunedì 14 settembre alla vigilia del tragico anniversario: alle 20 una veglia di preghiera alla parrocchia di santa Maria della pietà (dove venne battezzato il Beato) per ascoltare don Giuseppe Di Giovanni, dell’ordine dei Carmelitani scalzi. Alle 21, la veglia continuerà a pizzetta Beato padre Pino Puglisi per la relazione «La radicalità e la testimonianza in don Giuseppe Puglisi e in don Giuseppe Dossetti», a cura di Pier Luigi Castagnetti, collaboratore di don Dossetti mentre alle 22 e 30, su Tv2000 andrà in onda il concerto-meditazione «Perché forte come l’amore è la morte» del centro di accoglienza «Padre Nostro» e della fondazione «Frammenti di luce». Martedì 15 settembre, giorno del compleanno e dell’uccisione di padre Puglisi, in cattedrale alle 18, monsignor Corrado Lorefice celebrerà la santa messa in memoria del Beato cui seguirà la disposizione di «un fiore per 3P» sulla tomba. Mercoledì 16 e venerdì 18 alle ore 16, i cittadini detenuti nel carcere «Calogero Di Bona-Ucciardone» vedranno la miniserie «The smile of 3P» diretta da Paolo Brancati e prodotta dalla Seven comunication, con il centro d’accoglienza «Padre Nostro» (i detenuti della casa circondariale «Pagliarelli-Antonio Lo Russo», invece, la vedranno il 29 alle ore 20).  Giovedì 17, per commemorare il prete di Brancaccio, nell’aula consiliare di via san Ciro 15, in convocazione straordinaria, si riunirà il Consiglio della II circoscrizione. Mentre venerdì 25 alle 11, a Termini Imerese, sarà inaugurata la comunità alloggio per minori «Beato Giuseppe Puglisi e santa Rosa Venerini» i cui locali saranno benedetti da monsignor Lorefice. Sabato 26 alle 9, inaugurazione dell’anno scolastico all’Istituto comprensivo «Padre Pino Puglisi» di via Francesco Panzera. Le manifestazioni hanno il contributo della: Fondazione Giovanni Paolo II di Firenze, casa-museo del Beato Giuseppe Puglisi, parrocchia Santa Maria della Pietà, venerabile confraternita di «Santa Rosalia dei sacchi e del pellegrino» e del Pon Metro «città di Palermo» 2014-2020.

tag XXVII anniversario tag nido tag comunità alloggio segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta