Palermo | 19/09/2021 | 11:01:01
Pagina Facebook Pagina Youtube Instagram Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Cortile Tortorici, nel quartiere Brancaccio, verrà riqualificato grazie al progetto di rigenerazione territoriale "Se ognuno fa qualcosa - Second life"

Giovedì 29 luglio alle ore 9 i volontari del Centro insieme agli operatori dei Carabinieri, della Polizia Municipale e dell’Esercito Italiano saranno impegnati nella pulizia dell’area. Coinvolti gli abitanti del quartiere, i detenuti in esecuzione penale e gli ex PIP in servizio al Centro di Accoglienza Padre Nostro

data articolo 28/07/2021 autore redazione categoria articolo COMUNICATI
 
torna indietro
Cortile Tortorici, nel quartiere Brancaccio, verrà riqualificato grazie al progetto di rigenerazione territoriale Se ognuno fa qualcosa - Second life
Cortile Tortorici nel quartiere Brancaccio di Palermo

Il Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal Beato Giuseppe Puglisi realizzerà un evento nell’ambito del progetto di rigenerazione territoriale “Se ognuno fa qualcosa - Second life”, domani 29 luglio alle ore 9.00 presso Cortile Tortorici (Via Simoncini Scaglione, all’altezza dei n. civici 12,18 e 20) nel quartiere Brancaccio.

Quest’area da 28 anni era adibita a discarica abusiva, posto di ritrovo per tossicodipendenti e persone malavitose e luogo in cui venivano accese le “vampe” per la ricorrenza di San Giuseppe, creando un danno permanente ai fabbricati prospicenti.

Domani i volontari del Centro insieme agli operatori dei Carabinieri, della Polizia Municipale e dell’Esercito Italiano si dedicheranno alla pulizia dell’area coinvolgendo gli abitanti del quartiere, i detenuti in esecuzione penale e gli ex PIP in servizio al Centro di Accoglienza Padre Nostro.

Tale iniziativa rende concreto l’invito del Beato Puglisi a fare ciascuno la propria parte per il bene comune e si inserisce in una più ampia progettualità del Centro, che prevede la messa in sicurezza degli edifici e la realizzazione di un piccolo parco giochi per i bambini.

Inoltre, una volta conclusa l’opera di riqualificazione, si intende consegnare l’area agli abitanti del quartiere, costituendo un comitato di quartiere che curerà la fruizione, la manutenzione e la guardiania.

L'iniziativa rappresenta un ulteriore passo sulla strada della “seconda vita” della comunità di Brancaccio, in cui bellezza, solidarietà, cura dei luoghi e delle persone saranno realtà quotidiana.

ALLEGATI

allegatoComunicato Associazione Nazionale Carabinieri Ispettorato Regionale per la Sicilia [6]

allegatoLa Repubblica - Carabinieri e vigili insieme a volontari ed ex detenuti per bonificare un'area a Brancaccio [42]

tag riqualificazione territoriale tag cortile tortorici tag second life segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
galleria fotografica GALLERIA FOTOGRAFICA
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato L’Associazione “E Se Ognuno fa qualcosa” contribuisce alla bonifica di cortile Tortorici

23/08/2021