Palermo | 20/11/2019 | 06:26:22
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

"Io, in carcere per dieci anni solo perché vendevo cd"

data articolo 07/01/2003 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Articolo del Giornale di Sicilia
Articolo del Giornale di Sicilia
"Dalla mia cella vedo solo il cielo, provo a colorare anche quello. Qui a Favignana tutto appare molto buio: devo scontare una pena spropositata, 10 anni e 6 mesi di carcere, perché vendevo cd e cassette musicali. Non è la giustizia in cui credo: chi ha ucciso Marta RUSSO è stato condannato a 6 anni, il suo compagno a 4. Io non ho mai fatto del male a nessuno, sono solo un venditore ambulante, con una moglie e tre figli". Inizia così la lunga lettera di Vincenzo Cernigliaro, finito in carcere perché deve scontare un cumulo di pene, tutte e sono venti - per aver venduto cd taroccati su un carretto siciliano. Queste le sue riflessioni attorno alle domande che gli abbiamo posto attraverso i suoi familiari. "Non sono pentito di quello che ho fatto", scrive: "Se a Palermo non ci fosse lavoro, tornerei ancora a spingere il mio carretto, per vendere musica. Non voglio essere frainteso, domando: come reagireste voi se un giorno, senza lavoro, vi trovaste a dover sfamare una famiglia? Io ho dipinto il mio carretto siciliano meglio che potevo e ho camminato chilometri, giorno dopo giorno. Io non rubo, non spaccio, non uccido, non violento. Vendo musicassette per le strade di Palermo, e a volte anche nei paesi. Lavoro in nero, lo so. Ogni volta i vigili urbani si avvicinano, mi chiedono i documenti, glieli consegno. Ma mi dicono: ci dispiace, dobbiamo sequestrare la sua merce".

segnala pagina Segnala