Palermo | 26/04/2017 | 06:07:21
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

San Filippo Neri

data articolo 04/03/2013 autore redazione categoria articolo PAGINE
 
torna indietro
San Filippo Neri
San Filippo Neri
Il quartiere S Filippo Neri (suddiviso in due zone, comunemente dette Z.E.N. 1 e Z.E.N. 2) è collocato a nord della città e ha subito una trasformazione da zona prettamente agricola in agglomerato urbano di case popolari. Ciò è tuttavia avvenuto senza un'adeguata base progettuale, che tenesse conto delle esigenze della popolazione. Le condizioni strutturali ed il degrado sono oggi tali che spesso il quartiere viene definito un "ghetto". Gli adulti residenti nel quartiere svolgono per lo più attività di artigiani e operai non specializzati, mentre le donne quella collaboratrici domestiche, recandosi a lavorare in altri quartieri, più centrali, della città. Elevato è il numero degli analfabeti, dei disoccupati e dei sottoccupati. Non poche sono le famiglie multiproblematiche, dal momento che la situazione di estremo isolamento, nonché le condizioni di miseria sia dal punto di vista economico, che da quello culturale e valoriale, comportano conseguenze estremamente negative: dallo sviluppo di una sub-cultura dell'appropriazione e della violenza, alla criminalità e alla devianza, ad una difficoltà diffusa dei genitori nell'esercitare in modo positivo il proprio ruolo. Il particolare aspetto di molti degli edifici (aggregati unità tipologiche dette "insule"), tutti uguali tra loro per forma e colore, risulta anonimo e "spersonalizzante". Inoltre, la struttura delle insule, teoricamente destinata alla socializzazione tra le famiglie che le abitano, si è rivelata invece la sede ideale per l'innesco di conflitti tra gli abitanti dei vari edifici. Il quartiere Z.E.N., come tutta la VII Circoscrizione, ha ottenuto fognature, acqua e luce, solo da poco tempo. Nonostante siano presenti alcuni servizi socio-culturali gli abitanti sembrano non mostrare la tendenza alla partecipazione necessaria ad usufruirne. Per quanto concerne i servizi rivolti ai minori, sul territorio dell'intera Circoscrizione sono presenti 3 asili nido (su 23 presenti nel Comune), 7 scuole materne (su 74 presenti nel Comune), 7 scuole elementari su 75 presenti nel Comune) 6 scuole madie inferiori (su 57 presenti nel Comune) e 1 scuola media superiore (su 42 presenti nel Comune). Per ciò che riguarda il trend di iscrizioni alla scuola elementare, dai dati relativi alla Settima Circoscrizione tutta e riferiti agli anni compresi tra il 1996 e il 2001, si rileva una diminuzione non indifferente degli inscritti (da 4502 nel 1996-97 a 4109 nel 2000-01). Il numero degli abbandoni segue per lo più il medesimo andamento, Il numero delle bocciature invece diminuisce. Il numero degli iscritti alla scuola media inferiore risulta maggiore di quello degli alunni che effettivamente frequentano. Dopo un iniziale decremento, nel periodo considerato si riscontra invece un aumento degli abbandoni, mentre le bocciature seguono un trend inverso. Dalle osservazioni, di carattere qualitativo, effettuate dagli operatori del Centro di Accoglienza Padre Nostro, che lavorano sul territorio da diversi anni, si evince una forte domanda di sostegno scolastico da parte sia dei genitori che dei minori.

segnala pagina Segnala