Palermo | 21/11/2019 | 03:05:39
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

A Patri Pinuzzu Puglisi, Biatu

Poesia di Don Mario Golesano (1994)

data articolo 01/03/2004 autore Don Mario Golesano categoria articolo DEDICHE A 3P
 
torna indietro
A Patri Pinuzzu Puglisi, Biatu
A Patri Pinuzzu Puglisi, Biatu
Siccu, curtu, persona amabili, ranni di cori, di virtù e grazia, vuci delicata e forti. Vuci 'ntisa e amata di li picciutteddi. Guardianu di novi strati e di sensu di la vita. Versu unni iri, iddu sapia, e tanti, pi sti santi paroli, truvarunu la strata di l'Altari. Terra travagliata e di guerra ci fu data, pi strinciri la vita cu l'Evangelu di Diu. Chianu, chianu, s'ingignò la menti, e, priannu a Gesù, vitti di luntanu la spiranza. Ci misi lu so cori e la so forza, pi livari stu vilenu di la menti, e travagghiannu cu Diu, vuleva fari addivintari sta terra, di fami e povertà, iardinu irrigatu e profumatu di zagara. Si misi a zappari tra li petri, e na la terra bona, e lu so cori s'accattò la genti. E, quannu si pinsava, già di tutti, ca stava nascennu iornu novu, di paci e vicinanza, comu un lampu e un tronu l'armali mafiusi, privi di fidi e di cori, lu curperu, e assintumò. Poviru e curaggiusu Patri! A li frati caini, cu dignità e grazia, ci rissi: m'aspittavu! E si retti a la morti e a Cristu. Fortuna ca li soi eranu morti. Povira matri addulurata, poviru patri scunsulatu s'avissiru campatu a tantu scuru, morti cu morti avissi fattu paci. Stranu modu di fari di Diu! Luntanu sunnu li so pinseri di li nostri! Stu bottu forti ca ci spunnò la testa, pi tanti addivintò campana ca sunava a festa. Si, propriu a festa, picchì diceva a tutti: u' Patri è mortu e i figghi s'arriviscinu! Don Mario Golesano

segnala pagina Segnala