Palermo | 21/11/2019 | 03:11:51
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Vertice in prefettura dopo le minacce ad Artale

Centro Padre Nostro

data articolo 10/07/2018 autore La Repubblica categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

Venerdì mattina incontrerà il prefetto Antonella De Miro per parlare della «sua» Brancaccio, Maurizio Artale, il presidente del centro Padre nostro, minacciato da una parente del boss Antonino Lauricella. Metterà sul tavolo tutti i progetti pensati per il quartiere. Vuole parlare solo di bellezza, Artale, e dice di aver già messo da parte la brutta esperienza di martedì scorso quando un uomo è entrato al centro Padre nostro e gli ha urlato: «Se buttano giù casa mia, io ti ammazzo», riferendosi a un immobile abusivo di due stanze, che si trova nel grande terreno che ospiterà il 15 settembre la visita di papa Francesco, che dovrebbe diventare un parcheggio nei giorni della visita del pontefice e poi «la piazza che il quartiere non ha mai avuto in cui fare dei concerti, rappresentazioni teatrali e dove realizzare la vampa di San Giuseppe». Dice di non aver paura Maurizio Artale, da venticinque anni impegnato in una parte di città «dimenticata» e l’incontro in prefettura va proprio in questa direzione.  «Il prefetto mi ha chiamato in segno di solidarietà – dice -  il tavolo tecnico su Brancaccio era già previsto, è stato anticipato dopo quello che era successo. Con noi ci sarà pure il sindaco Leoluca Orlando». Alla solidarietà del sindaco, tra le prime ad arrivare, se ne sono aggiunte tante altre tra cui la fondazione Giovanni Paolo II, la fondazione Antonino Capponnetto e la Cgil di Palermo. Maria Mattarella, figlia di Piersanti «si è messa a disposizione per far realizzare alcuni spettacoli a Brancaccio», mentre l’arcivescovo Corrado Lorefice ha inviato ad Artale una lettera in cui scritto di «non mollare». E di mollare, Maurizio Artale, non ne vuole proprio sapere.

di Giada Lo Porto

tag piazza tag brancaccio tag intimidazioni segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Solidarietà della Regione al centro Padre Nostro
L'INTIMIDAZIONE
10/07/2018
articolo correlato Brancaccio alzati! L'Appello di Maurizio Artale dopo l'atto intimidatorio di martedì 3 luglio 2018
«Da 25 anni il Centro di Accoglienza Padre Nostro si è messo al tuo servizio così come ha voluto il nostro fondatore»
10/07/2018
articolo correlato Le minacce al Centro Padre Nostro. Artale: «Macchia per la comunità»
BRANCACCIO. Un ex Pip avrebbe detto al presidente: «Se buttano giù casa mia, ti ammazzo». Il motivo del contendere sarebbe un terreno occupato abusivamente
09/07/2018