Palermo | 17/12/2018 | 18:19:55
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Quell’applauso dei preti siciliani cura ricostituente dopo gli scandali

Sos di Lorefice: forze estranee al Vangelo

data articolo 16/09/2018 autore La Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

PALERMO. Il suo anatema al Foro Italico non riuscirà a sconfiggere sic et simpliciter la mafia. Così come la calorosa accoglienza ricevuta a Palermo non basta a diradare i nuvoloni minacciosi che nelle ultime settimane si sono addensati sul suo pontificato. Eppure Papa Francesco – dopo aver vissuto quello che “padre Georg”, ex segretario di Ratzinger, oggi arcivescovo Ganswein, aveva perfidamente definito «l’11 Settembre della Chiesa» - si tuffa nel suo personale “15 Settembre, un efficace cura ricostituente a Palermo. Dove, sia chiaro, non si parla dei preti pedofili né di chi li ha coperti. Eppure, nella fase più difficile della sua esperienza da Papa, Bergoglio riceve un forte endorsement dalla Chiesa siciliana.

«Eccoci qui, accanto a lei, nel nostro cenacolo, a dirle ancora una volta il nostro ringraziamento e il nostro affetto, per il suo modo di essere Vescovo di Roma e di presiedere le nostre Chiese nella carità». Queste le parole di saluto dell’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, legatissimo a Bergoglio, nell’incontro del Papa con clero e seminaristi in Cattedrale. «Lo facciamo, se possibile ancora più convintamente oggi -ha aggiunto -, mentre i marosi di forze estranee alla logica del Vangelo tentano di abbattersi sul suo ministero e sulla sua persona per bloccare il suo anelito ad una Chiesa testimone audace del Vangelo, con Cristo e come Cristo povera, aperta, in uscita, amica degli uomini, “di tutti e in particolare dei poveri”». Belle parole, quelle di “don Corraco”. Ma a emozionare Francesco è stato anche il lungo e scrosciante applauso di vescovi, preti e seminaristi.

«Che l’esempio di Don Pino faccia nascere tante vocazioni», scrive Papa Francesco nel quaderno dei ricordi che i volontari del centro di accoglienza Padre Nostro tengono nella casa museo dove abitava il Beato Padre Puglisi. E il solco tracciato da don Pino è utile anche per ridisegnare l’identikit del sacerdote nell’era Bergoglio. È’ l’occasione per mandare più di un messaggio in codice agli esponenti della sua “opposizione”. «La Chiesa non sta sopra il mondo, ma dentro al mondo, per farlo fermentare, come lievito nella pasta. Per questo, cari fratelli, va bandita ogni forma di clericalismo, una delle perversioni più difficili da togliere oggi: non abbiano in voi cittadinanza atteggiamenti altezzosi, arroganti o prepotenti», dice in cattedrale. Secondo il Pontefice, «anche il carrierismo e il familismo sono nemici da estromettere, perché la loro logica è quella del potere, e il prete non è uomo del potere, ma del servizio». «Testimoniare, poi, vuol dire fuggire ogni doppiezza di vita, in seminario, nella vita religiosa, nel sacerdozio – ha aggiunto -. Non si può vivere una doppia morale: una per il popolo di Dio e un’altra in casa propria». Poi un passaggio ancora più esplicito: «Il prete è l’uomo del dono, del dono di sé, ogni giorno, senza ferie e senza sosta. Perché la nostra, cari sacerdoti, non è una professione, ma una donazione; non un mestiere, che può servire pure per fare carriera, ma una missione». Se il prete «è un chiacchierone, porterà divisione», dev’essere invece «ministro di riconciliazione a tempo pieno». Perché «quando c’è divisione c’è il diavolo; lui è il grande accusatore, lavora per dividere, divide tutto». Secondo Francesco, «mettere zizzania, provocare divisioni, sparlare, chiacchierare non sono “peccatucci che tutti fanno: è negare la nostra identità di sacerdoti».

E qui il ritorno a don Pino che «faceva il prete con cuore di pastore». Con due consigli: «Impariamo da lui a rifiutare ogni spiritualità disincarnata e a sporcarci le mani con i problemi della gente. Andiamo incontro alle persone con la semplicità di chi le vuole amare con Gesù nel cuore, senza progetti faraonici, senza cavalcare le mode del momento».

Come a dire: a buon intenditore...

Mario Barresi

tag XXV anniversario tag martirio tag padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Convegno 'Multiculturalità: integrazione e dialogo'
Il convegno è stato organizzato dal Centro di Accoglienza Padre Nostro, dal Consolato marocchino e dalla Fondazione Giovanni Paolo II
12/12/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Il libro di Fulvio Scaglione 'Padre Pino Puglisi martire di mafia per la prima volta raccontato dai familiari' presentato a Roma
Venerdì 12 Ottobre 2018, ore 10.00, Istituto Luigi Sturzo, Via delle Coppelle, 35 - Roma
12/10/2018
articolo correlato 1 Ottobre 2018. Esibizione delle Scuole vincitrici del Cencorso/Rassegna Musicale Nazionale Beato Giuseppe Puglisi al Teatro Massimo di Palermo
La manifestazione è inserita nel programma del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
29/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Presentazione del libro di Fulvio Scaglione 'Padre Pino Puglisi martire di mafia per la prima volta raccontato dai familiari'
Giovedì 20 settembre 2018, ore 18.30, Sala Lavitrano - Palazzo Arcivescovile
17/09/2018
articolo correlato Papa Francesco visita la casa-museo del Beato Giuseppe Puglisi
Foto e Video
17/09/2018
articolo correlato A Brancaccio lenzuoli bianchi contro il buio della morte
Bergoglio nel quartiere di don Pino: prega nella sua chiesa e sul luogo del martirio
16/09/2018
articolo correlato Francesco abbraccia Brancaccio nel nome del Beato Pino Puglisi
Il Pontefice ha visitato i luoghi in cui ha svolto la sua missione pastorale il parroco che ha avuto il coraggio di sfidare i fratelli Graviano sino all’estremo sacrificio avvenuto 25 anni fa
16/09/2018
articolo correlato «Così racconteremo al Papa nostro fratello don Pino Puglisi»
A colloquio con i familiari che accoglieranno Bergoglio
15/09/2018
articolo correlato Concerto Meditazione "PERCHÈ FORTE COME LA MORTE È L’AMORE"
16 settembre 2018 ore 21.00. Sagrato della Cattedrale di Palermo
13/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Inaugurazione dell'aula didattica della casa-museo
Un luogo dove gli studenti della Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado potranno conoscere e approfondire la figura del parroco di Brancaccio ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993
13/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Il 3 settembre un concerto in sua memoria presso la Casa circondariale "Pagliarelli Antonio Lorusso" di Palermo
Un'iniziativa fortemente voluta dalla Direttrice del carcere D.ssa Francesca Vazzana
02/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Inaugurazione di una piscina al Centro Polivalente Sportivo di Brancaccio e l'avvio delle attività estive da parte del Centro di Accoglienza Padre Nostro
La piscina è stata realizzata grazie ad un progetto finanziato dal MIUR alla Direzione Didattica "F. Orestano" in collaborazione con il Centro di Accoglienza Padre Nostro e il Circolo Acli "Padre Pino Puglisi"
29/06/2018
articolo correlato Acli Palermo intitola la sala conferenze al Beato Giuseppe Puglisi nella sua sede storica
Un'iniziativa inserita nel programma delle manifestazioni in occasione del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
19/06/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Al via la prima iniziativa: l'inaugurazione degli spogliatoi, delle docce, dei bagni e di una sala incontro al campo sportivo di vicolo Cappello
L'importanza di queste strutture per bambini e ragazzi, che hanno bisogno di luoghi di aggregazione e socializzazione
09/06/2018
articolo correlato 25° Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
L'Arcidiocesi di Palermo - Centro Diocesano "Beato Giuseppe Puglisi" presenta il programma delle manifestazioni. Le manifestazioni del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi hanno ricevuto la Medaglia come premio di rappresentanza da parte del Presidente della Repubblica, On. Sergio Mattarella
08/06/2018