Palermo | 17/12/2018 | 18:36:47
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Francesco abbraccia Brancaccio nel nome del Beato Pino Puglisi

Il Pontefice ha visitato i luoghi in cui ha svolto la sua missione pastorale il parroco che ha avuto il coraggio di sfidare i fratelli Graviano sino all’estremo sacrificio avvenuto 25 anni fa

data articolo 16/09/2018 autore La Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

PALERMO. La Chiesa omaggia il Beato Puglisi e lo celebra con il suo uomo più importante e rappresentativo: Papa Francesco. Il Pontefice ieri pomeriggio ha effettuato un vero e proprio pellegrinaggio nei luoghi di don Puglisi, tra Brancaccio e Settecannoli, compresa la chiesa di San Gaetano. Decine di lenzuola bianche sono state appese ai balconi e alle finestre dei residenti di piazzale Anita Garibaldi dove fu ucciso don Pino Puglisi la sera del 15 settembre 1993. Gli abitanti della zona hanno accolto l’invito del Centro padre Nostro. «Si è trattato di un benvenuto al Papa ma anche un segno di riscatto alla gente che ha voluto lanciare un chiaro messaggio», ha spiegato Pippo De Pasquale, l’amico di infanzia di don Pino che ieri ha accolto il Papa in piazzale Garibaldi anzi in piazzetta Beato Padre Puglisi come si chiama da oggi in poi il fazzoletto di asfalto e cemento che si affaccia davanti al civico numero 5, dove abitava il parroco della chiesa di San Gaetano. Al suo arrivo a bordo di una Volkswagen Golf di colore blu, intorno alle 15.30, il Santo Padre sceso dall’auto, dopo aver salutato e benedetto la folla, si è avvicinato a una ragazza disabile che le ha passato un cuscino di rose rosse che il Santo Padre, dopo averla benedetta, ha deposto sul punto preciso in cui è caduto il Beato Puglisi. Bergoglio si è fermato in preghiera davanti al medaglione di bronzo, dove il prete è stato colpito mortalmente dal killer Salvatore Grigoli, picciotto della mafia palermitana. Bergoglio era accompagnato dall’arcivescovo Corrado Lorefice e da monsignor Georg Ganswein, già segretario di Papa Benedetto XVI. Il Papa ha poi raggiunto la casa museo dedicata a don Pino, al primo piano della palazzina. E ha visitato le umili stanze in cui ha vissuto il parroco ha sfidato i boss di Brancaccio. Quindi si è seduto su una poltroncina, in quello che era lo studio del Beato, e ha scritto una frase nel libro dei ricordi che i volontari tengono nella casa museo: «Che l’esempio di don Pino faccia nascere tante vocazioni».

Subito dopo Papa Francesco ha abbracciato i familiari di don Pino, a cominciare dai fratelli Francesco e Gaetano, e ha ringraziato il presidente del Centro “Padre Nostro”, Maurizio Artale, che l’opera che giornalmente svolge a Brancaccio assieme a tutti i volontari. I fratelli di don Pino Puglisi hanno consegnato al Santo Padre un libro che racconta la storia del beato. «E’ stato un momento molto emozionante – ha detto Gaetano Puglisi – ci ha sorriso e ci ha chiesto di pregare per lui». Accanto a lui la moglie: «che emozione salutare il Santo Padre. Gli abbiamo detto che in questo quartiere c’è ancora molto da fare. E abbiamo ricordato l’opera di Maurizio Artale, del Centro Padre Nostro».

Il Pontefice ha quindi benedetto i progetti realizzati dal Centro per la costruzione di una piazza a Brancaccio e l’altro per la realizzazione di un asilo nido. Per la gente del quartiere una giornata indimenticabile: «il Papa ci ha detto pregate per me. È stata un’emozione immensa, incredibile e indescrivibile», ha sottolineato Antonio Piazza, 73 anni che abita al piano terra della palazzina oggi intestata al Beato Puglisi. «Quando abbiamo saputo della visita del Papa,- ha proseguito – ci è stato chiesto se in questo palazzo ci fossero persone con disabilità per una benedizione – racconta la donna che vive nel palazzo da mezzo secolo – e così abbiamo chiesto se potesse pregare e benedire le mia nipotina, che ha un problema di salute. Il Papa l’ha benedetta, e lei gli ha consegnato una letterina scritta per lui. Il Papa le ha detto brava».

Nella casa che si trova al pianterreno della palazzina di quattro piani ci sono molte foto di don Pino Puglisi alle pareti. «Lo conoscevo da sempre, dice la donna, che ha 5 figlie – ha celebrato il matrimonio delle mie figlie, che da ragazze frequentavano il centro Padre Nostro. Loro lo chiamavano 3P per via delle iniziali del nome Padre Pino Puglisi. Ha battezzato i miei nipoti, insomma nella mia vita Padre Puglisi c’è sempre stato. Conoscevo pure la mamma, ogni tanto mi aiutava a cucire qualche vestito». Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: «Ho ringraziato Papa Francesco per la sua presenza nella nostra città, per il suo fare memoria del Beato Pino Puglisi, un martire della fede, un testimone dell’armonia fra libertà e responsabilità, troppo spesso soffocate da logiche mafiose».

Leone Zingales

tag XXV anniversario tag martirio tag padre pino puglisi segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Convegno 'Multiculturalità: integrazione e dialogo'
Il convegno è stato organizzato dal Centro di Accoglienza Padre Nostro, dal Consolato marocchino e dalla Fondazione Giovanni Paolo II
12/12/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Il libro di Fulvio Scaglione 'Padre Pino Puglisi martire di mafia per la prima volta raccontato dai familiari' presentato a Roma
Venerdì 12 Ottobre 2018, ore 10.00, Istituto Luigi Sturzo, Via delle Coppelle, 35 - Roma
12/10/2018
articolo correlato 1 Ottobre 2018. Esibizione delle Scuole vincitrici del Cencorso/Rassegna Musicale Nazionale Beato Giuseppe Puglisi al Teatro Massimo di Palermo
La manifestazione è inserita nel programma del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
29/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Presentazione del libro di Fulvio Scaglione 'Padre Pino Puglisi martire di mafia per la prima volta raccontato dai familiari'
Giovedì 20 settembre 2018, ore 18.30, Sala Lavitrano - Palazzo Arcivescovile
17/09/2018
articolo correlato Papa Francesco visita la casa-museo del Beato Giuseppe Puglisi
Foto e Video
17/09/2018
articolo correlato A Brancaccio lenzuoli bianchi contro il buio della morte
Bergoglio nel quartiere di don Pino: prega nella sua chiesa e sul luogo del martirio
16/09/2018
articolo correlato Quell’applauso dei preti siciliani cura ricostituente dopo gli scandali
Sos di Lorefice: forze estranee al Vangelo
16/09/2018
articolo correlato «Così racconteremo al Papa nostro fratello don Pino Puglisi»
A colloquio con i familiari che accoglieranno Bergoglio
15/09/2018
articolo correlato Concerto Meditazione "PERCHÈ FORTE COME LA MORTE È L’AMORE"
16 settembre 2018 ore 21.00. Sagrato della Cattedrale di Palermo
13/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Inaugurazione dell'aula didattica della casa-museo
Un luogo dove gli studenti della Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado potranno conoscere e approfondire la figura del parroco di Brancaccio ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993
13/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Il 3 settembre un concerto in sua memoria presso la Casa circondariale "Pagliarelli Antonio Lorusso" di Palermo
Un'iniziativa fortemente voluta dalla Direttrice del carcere D.ssa Francesca Vazzana
02/09/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Inaugurazione di una piscina al Centro Polivalente Sportivo di Brancaccio e l'avvio delle attività estive da parte del Centro di Accoglienza Padre Nostro
La piscina è stata realizzata grazie ad un progetto finanziato dal MIUR alla Direzione Didattica "F. Orestano" in collaborazione con il Centro di Accoglienza Padre Nostro e il Circolo Acli "Padre Pino Puglisi"
29/06/2018
articolo correlato Acli Palermo intitola la sala conferenze al Beato Giuseppe Puglisi nella sua sede storica
Un'iniziativa inserita nel programma delle manifestazioni in occasione del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
19/06/2018
articolo correlato XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi. Al via la prima iniziativa: l'inaugurazione degli spogliatoi, delle docce, dei bagni e di una sala incontro al campo sportivo di vicolo Cappello
L'importanza di queste strutture per bambini e ragazzi, che hanno bisogno di luoghi di aggregazione e socializzazione
09/06/2018
articolo correlato 25° Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi
L'Arcidiocesi di Palermo - Centro Diocesano "Beato Giuseppe Puglisi" presenta il programma delle manifestazioni. Le manifestazioni del XXV Anniversario del martirio del Beato Giuseppe Puglisi hanno ricevuto la Medaglia come premio di rappresentanza da parte del Presidente della Repubblica, On. Sergio Mattarella
08/06/2018