Palermo | 23/01/2021 | 00:06:03
Pagina Facebook Pagina Youtube Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - ETS
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Veglie, concerti e riflessioni per padre Puglisi. Domani il raduno alla Kalsa

Le manifestazioni a 27 anni dall’assassinio

data articolo 13/09/2020 autore Giornale di Sicilia categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro

Entreranno nel vivo domani sera le manifestazioni per ricordare il 27° anniversario dell’assassinio di don Pino Puglisi. Il programma messo a punto dalla diocesi di Palermo e dal Centro di accoglienza Padre Nostro prevede una veglia di preghiera. Alle 20 raduno presso la parrocchia Santa Maria della Pietà alla Kalsa, dove venne battezzato il Beato Puglisi, con una riflessione a cura del parroco, don Giuseppe Di Giovanni. Alle 21 la veglia continuerà a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi, luogo dell’uccisione per mano mafiosa avvenuta il 15 settembre 1993. Ci sarà la relazione «La radicalità e la testimonianza in don Giuseppe Puglisi e in don Giuseppe Dossetti» di Pier Luigi Castagnetti, collaboratore di don Dossetti. Alle 22.30, TV2000 manderà in onda il concerto-meditazione «Perché forte come la morte è l’amore» del Centro Padre Nostro e della Fondazione «Frammenti di Luce».
Martedì, giorno dell’assassinio, alle 18 celebrazione in Cattedrale, presieduta da monsignor Corrado Lorefice; seguirà la deposizione di «un fiore per 3P» sulla tomba del sacerdote martire. Il corpo di padre Puglisi riposa lì, in una cappella della navata sinitra della Cattedrale, nel sarcofago a forma di spiga, perché lui è quel chicco di grano che, per portare frutto, deve per forza marcire, deve morire. E lui, quel parroco che ha improntato la sua vita al Vangelo, non ha avuto paura di affrontare la morte, per contribuire al cambiamento di questa città e dei suoi figli.
Ma la sua testimonianza di amore e di giustizia diventa esempio per giovani, famiglie, pellegrini, che chiedono di conoscere la figura del primo martire di mafia, ma anche per coloro che hanno sbagliato e stanno scontando la loro pena in carcere. Molte le iniziative rivolte ai detenuti. Mercoledì, alle 16, per esempio, quelli della casa di reclusione «Calogero Di Bona Ucciardone» assisteranno alla proiezione della miniserie “The smile of 3P” diretta da Paolo Brancati, prodotta dalla Seven Communication in collaborazione con il Centro di accoglienza Padre Nostro. Iniziativa che si ripeterà anche venerdì.
Giovedì, alle 10, il consiglio della seconda circoscrizione, in convocazione straordinaria, si riunirà per commemorare il parroco di Brancaccio nell’aula consiliare di via San Ciro 15. Poi il 25 settembre, alle 11, verrà inaugurata la comunità alloggio per minori «Beato Giuseppe Puglisi e Santa Rosa Venerini», gestita dal Centro di accoglienza Padre Nostro, in via Santa Rosa Venerini a Termini Imerese. La struttura sarà benedetta da monsignore Lorefice. Il 26 settembre alle 9, nell’istituto comprensivo Padre Pino Puglisi sarà inaugurato l’anno scolastico.
L’ultimo evento in programma è quello del 29 settembre alle 20, con i detenuti della casa circondariale Pagliarelli-Antonio Lo Russo per la proiezione del film «The smile of 3P»-
All’organizzazione delle manifestazioni hanno contribuito, tra gli altri, la Fondazione Giovanni Paolo II di Firenze (con cui il Centro di accoglienza Padre Nostro collabora da anni), la casa-museo del Beato Giuseppe Puglisi, la parrocchia Santa Maria della Pietà di Palermo, la confraternita di Santa Rosalia dei Sacchi e del Pellegrino e Pon Metro «Città di Palermo».

tag veglie tag concerti tag riflessioni segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta