Palermo | 26/02/2024 | 01:16:38
Pagina Facebook Pagina Youtube Instagram Google Plus
Centro di Accoglienza Padre Nostro - Onlus
Fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991. Eretto in ente morale con D.M. del 22.09.1999
Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus

Brancaccio, vacanze e legalità. I ragazzi invitati dai carabinieri

L’iniziativa voluta da Luzi, comandante generale dell’Arma, già al vertice provinciale in città
Partiti per Roma 35 giovanissimi del centro Padre Nostro Ospiti delle suore, le altre spese le pagano alcuni benefattori

data articolo 14/06/2021 autore redazione categoria articolo RASSEGNA
 
torna indietro
Brancaccio, vacanze e legalità. I ragazzi invitati dai carabinieri
In tour per la città eterna. Il Centro Padre Nostro di Brancaccio fondato da don Pino Puglisi; dall’alto Maurizio Artale e Teo Luzi

Sono appena partiti e per sette giorni andranno in giro per la Capitale, forse anche dal presidente della Repubblica. Sono i 35 ragazzi del centro Padre Nostro, dagli 11 ai 13 anni e tra i 15 e i 17 anni, che hanno deciso di partecipare all’iniziativa voluta fortemente dal comandante, Teo Luzi, che era stato al vertice provinciale in città ed è rimasto molto legato al centro di Brancaccio, intitolato a don Pino Puglisi. Proprio Luzi ora è il big sponsor morale dell’iniziativa, un fortissimo segnale in direzione della legalità.

Più benefattori, anonimi, hanno messo a disposizione i pullman per tutto il periodo di permanenza a Roma dei ragazzi. E con gli stessi mezzi il gruppo mercoledì andrà a visitare il Quirinale. Poi la Cappella Sistina, la Basilica di San Pietro, i Giardini vaticani e tutti gli altri siti importanti di Roma. Il pranzo al sacco sarà offerto tutti i giorni, durante le escursioni. L’alloggio sarà offerto dalle maestre Pie Venerini, suore che hanno sede pure a Roma ma che sono state anche a Brancaccio.

«Questo è il principio di padre Puglisi ˗ commenta Maurizio Artale, presidente del Centro Padre Nostro ˗. Lui diceva: “Se ognuno fa qualcosa, si potrà realizzare tanto”. Ciascuno ha fatto la sua parte per realizzare il sogno di questi ragazzi». Molti non sono mai usciti da Brancaccio, è il primo viaggio, la prima vacanza che permetterà loro di vedere cose che non hanno mai visto. Sarà un’esperienza nuova che i ragazzi ricorderanno per molto tempo.

«Il progetto è stato rinviato più volte per via della pandemia ˗ aggiunge Artale ˗. Ora finalmente si concretizza. Uno degli obiettivi principali è quello di avvicinare i giovani alle istituzioni, fare in modo che le vedano come amici a cui rivolgersi e dalle quali sentirsi protetti e non nemici dai quali tenersi lontani». Il progetto intende sostenere e valorizzare le esperienze di cittadinanza e partecipazione attiva. Si vuole accrescere nei giovani la conoscenza sugli organismi di rappresentanza. Sono lontani i tempi in cui, durante le prime colonie, organizzate dal Centro Padre Nostro assieme all’Arma, i genitori non volevano che i figli salissero sui mezzi degli «sbirri». Così li chiamavano, e non volevano avere a che fare con nessuno di loro.

«Dopo 28 anni di lavoro, le cose sono cambiate ˗ conclude Maurizio Artale ˗. Oggi partecipiamo alla Festa della polizia e dei carabinieri e ora questo viaggio rafforzerà il percorso che abbiamo fatto finora. Far vedere ai ragazzi dove i vertici del governo e le forze dell’ordine lavorano è importante. Ora stiamo raccogliendo i frutti di tanto lavoro. Anche con l’emergenza sanitaria non ci siamo fermati. Abbiamo raccolto circa 50 mila euro di generi alimentari per le famiglie di Brancaccio, Zen e Falsomiele. Mi fa piacere sottolineare che stanno partendo adesso, con noi, i figli di ragazzi che vent’anni fa partecipavano alle nostre attività e alle colonie. Molti ragazzi che hanno seguito un percorso al centro sono ora gli operatori che seguono i nuovi bambini e questa è una grande vittoria». (*ACAN)

Molti mai usciti dal rione. Saliranno pure al Colle Artale: «Dopo 28 anni dimostriamo che lo Stato non è nemico»

Anna Cane

tag progetti tag punta in alto tag i ragazzi del sogno di 3P segnala pagina Segnala commenta articolo
Commenta
       

ARTICOLI CORRELATI
articolo correlato Progetto "Punta in alto": Viaggio formativo dei ragazzi del sogno di 3P a Roma dal 14 al 21 giugno 2021
Foto e storie sul nostro account instagram
12/06/2021